full screen background image
Search
Wednesday 20 October 2021
  • :
  • :

A. Mancini: «Spremni za posebnu noć» – A. Mancini: «Pronti per una notte speciale»

Brazilski veznjak Amantino Mancini dao je intervju prije utakmice s Romom, koje pobjednik osvojiti će Superkup Tim 2008. Na programu je u nedjelju navečer na stadionu “Giuseppe Meazza” u Milanu (20.45 sati).

Inter.it nam nudi integralnu verziju intervjua:

Mancini: kakav je bio vaš odnso s Romom, vaš bivši klub, prije dolaska u Inter?

“Bilo je fantastično. Tamo sam bio pet i pol godina, mogu reći da sam imao pozitivnu karijeru u njihovom dresu, i dugujem sve tom klubu. Roma je klub koji mi je dao priliku da pokažem koliko vrijedim, kao nogometaš. Zahvalan sam klubu, imao sam dobar odnos s navijačima Rome. Normalno je sada, kada sam promijenio dres, da u odnosu s navijačima ima malo gorčine i tuge. Kako god bilo, meni je u Rimu bilo dobro, bilo mi je lijepo u tom gradu, jednom od najljepših na svijetu. Sve što je pisano čista je laž. Ima ljudi koji koriste takve situacije, ali mene za Rim vežu lijepe uspomene i ostati će zauvijek u mojim mislima i u mom srcu, grad je to koji mi je dao sve”.

Osijećate li veću odgovornost uoči nedjeljne utakmice?

“Normalno da da. Ako si bivši igrač protivničke ekipe, sve su oči uprte u tebe, puno više nego na druge igrače, a biti će vrlo teška utakmica, poznajem Romu. Za mene, biti će to posebna utakmica, debi u službenoj utakmici u Interovom dresu, i to protiv moje bivše ekipe. Nadam se da će biti posebna noć i da će Inter pobijediti. Bilo bi jako dobro započeti sezonu pobjedom u Superkupu”.

Koje su Romine tajne?

“Poznajem trenera Spallettija 3 godine, tijekom kojih je pokazao koliko vrijedi kao trener. Reći ću nešto Mourinhu, što je normalno u takvim situacijama, i to je dio nogometa. Nadam se dobrom spektaklu na San Siru”.

U nedjelju obje ekipe mogle bi nastupiti bez nekolicine važnih igrača…

“I Roma i Inter imaju kvalitetnih igrača i dvije su odlične ekipe. Kod nas Ibra ima problema s koljenom, nadajmo se da će biti spreman, ali i Roma ima problema sa sastavom. Nas mora brinuti samo Inter, moramo prvenstveno misliti na sebe a tek onda na Romu”.

Koju biste poruku uputili svojim bivšim suigračima?

“Imam sjajan odnos sa svima, ali posebno bi pozdravio svoje sunarodnjake (Doni, Cicinho, Taddei, Juan a sada i Baptista) s kojima imam krasan prijateljski odnos, često smo zajedno izlazili dok sam bio u Rimu. Pozdravljam svih, ali posebno njih”.

Biti će to i brazilski derbi Intera i Rome…

“(op.a.: smiješi se) To su veliki igrači koji su izgradili vlastitu povijest. Ne volim usporedbe, svi su dobri dečki, odlični profesionalci i veliki nogometaši”.

Da li ćete se veseliti u slučaju da zabijete gol?

“Imam respekta prema Romi, te mislim da neću. Dijeliti ću veselje s mojim suigračima, ali ne razmišljam o tome da li ću zabiti ili ne, da li ću se veseliti ili ne. Najbitnije je da taj pehar ostane u Milanu zato što je to jedan od naših ciljeva”.

Na koji bi ste se rezultat kladili?

“(op.a.: opet se smiješi) Ne kladim se, ne volim se kladiti”.

Ima li razlika između Joséa Mourinha i Luciana Spallettija?

“Sa Spallettijem sam radio 3 godine, s Mourinhom samo mjesec dana. Mogu reći samo da se radi o dva vrlo kvalitetna trenera, koji dobro poznaju nogomet. Dobri su obojica”.

Kakav je vaš odnos s golom?

“Gol je zadaća onih koji su bliži protivničkim vratima. Ono što me najviše zanima, to je pobjeda moje ekipe te nije bitno čiji su golovi. Jasno je da volim zabijati, ali još bitnije je da Inter pobijedi”.

Vi, Adriano i Ibrahimović mogli biste odigrati veliku sezonu?

“Adriano je dobro započeo sezonu, dobro je pripremljen. Nakon svega što je doživio u prošlosti, sada je sretan i zadovoljan što je tu. Po meni, mogao bi odigrati veliku sezonu, zajedno s Ibrom. Nadam se da ću i ja biti među protagonistima i da ću dati velik doprinos Interovim pobjedama”.

Kako dočekuju Amantino Mancini i Inter nedjeljnu utakmicu?

“Odlično, jako smo dobri sada na početku sezone. Ja se dobro osijećam, ali to vrijedi za cijelu ekipu jer smo odlično odradili pripreme i stvarno se jako dobro osijećamo. Ekipa će biti spremna za nedjelju. Za nas je doista važno dobro započeti sezonu”.


Italia

Il centrocampista brasiliano Amantino Mancini ha rilasciato un’intervista prima della gara contro la Roma, valida per l’assegnazione della Supercoppa Tim 2008, in programma domenica sera allo stadio “Giuseppe Meazza” (ore 20.45).

Inter.it vi offre la versione integrale di quanto dichiarato dal nerazzurro:

Mancini: come è stato il suo rapporto con la Roma, sua ex squadra prima di arrivare all’Inter?

“È stato fantastico. Sono stato là 5 anni e mezzo, ho fatto una bella carriera con la loro maglia, devo tutto a quella società. La Roma è stato un club che mi ha dato la possibilità di dimostrare le mie qualità come calciatore. Sono grato alla società, ho avuto bei rapporti con i tifosi della Roma. Anche se è normale, adesso che ho cambiato maglia, avere con i tifosi un po’ di amarezza e tristezza. Comunque io sono stato benissimo a Roma, ho vissuto bene in quella città, una delle più belle al mondo. Tutto quello che è stato scritto sono bugie. Ci sono persone che approfittano di queste situazioni, però io ho dei bei ricordi a Roma che rimarrà sempre nella mia testa e nel mio cuore, è una città che mi ha dato tutto”.

Si sente maggiori responsabilità in vista della gara di domenica sera?

“È normale. Se tu sei un ex, gli occhi sono più su di te che non su altri giocatori, sarà una partita difficile perchè conosco la Roma. Però per me sarà una gara speciale, l’esordio in una partita ufficiale con la maglia dell’Inter e contro la mia ultima squadra. Speriamo che sia una serata bellissima e che l’Inter possa vincere. Iniziare bene con una vittoria in Supercoppa sarebbe fondamentale in un anno importante”.

Quali sono i segreti della Roma?

“Conosco il tecnico Spalletti da 3 anni nei quali ha dimostrato tutto il suo valore come allenatore. Qualcosina dirò a Mourinho, ma è una cosa che ci sta in queste situazioni, fanno parte del calcio. Speriamo che sia un bello spettacolo a San Siro”.

Domenica sera entrambe le squadre potrebbero dover fare a meno di qualche giocatore importante…

“Sia la Roma che l’Inter hanno dei grandi giocatori di qualità e un bel gruppo. Abbiamo Ibra che ha un problema al ginocchio, speriamo possa esserci, anche la Roma ha qualche dubbio di formazione. Ma dobbiamo essere preoccupati solo dell’Inter, dobbiamo pensare a noi per prima cosa e poi alla Roma”.

Quale messaggio vuole lasciare ai suoi ex compagni?

“Ho un grande rapporto con tutti in quello spogliatoio, ma faccio un saluto speciale ai miei connazionali, Doni, Cicinho, Taddei, Juan e ora baptista con i quali è c’è una bella amicizia, uscivamo spesso insieme quando ero a Roma. Saluto tutti quanti ma in particolare loro”.

Sarà un derby anche tra i brasiliani di Inter e Roma…

“(ndr.: sorride) Sono giocatori importanti che hanno fatto la loro storia. Non mi piace fare paragoni, sono tutti bravi ragazzi, bravi professionisti e grandi calciatori”.

Esulterà in caso di un suo gol?

“Ho rispetto per la Roma, penso proprio di no. Magari esulterò con i compagni, ma non ho ancora pensato se segno o non segno, se festeggio o non festeggio. L’importante è che questa coppa resti a Milano perchè questo è l’obiettivo al quale puntiamo”.

Su che risultato scommetterebbe?

“(ndr.: sorride) Scommesse non nè faccio, non mi piace farle”.

Che differenze ci sono tra José Mourinho e Luciano Spalletti?

“Con Spalletti ho lavorato 3 anni, con Mourinho solo da un mese. Devo dire che sono 2 grandissimi allenatori, 2 allenatori che conoscono molto bene il calcio, molto preparati. Sono molto bravi entrambi”.

Che rapporto ha con il gol?

“Il gol è un compito di tutti quelli che sono più vicini alla porta. Però la cosa che mi interessa di più è che la squadra vinca, chi segna non è importante. È chiaro che se tu fai gol è importante, ma la cosa fondamentale è che l’Inter vinca”.

Lei, Adriano e Ibrahimović potreste essere protagonisti di ua grande stagione?

“Adriano sta bene, ha iniziato bene la stagione, ha fatto un’ottima preparazione. Dopo tutto quello che gli è successo nel passato, adesso sta bene è contento ed è soddisfatto di essere qui. Io penso possa fare una grande stagione, insieme ad Ibra. Spero anche io di essere protagonista e dare il mio contributo all’Inter”.

Come arrivano Amantino Mancini e l’Inter all’appuntamento di domenica sera?

“Benissimo, arrivo molto bene a questo momento della stagione. Arrivo bene io, ma arriva bene soprattutto la squadra perchè abbiamo fatto una grande preparazione e stiamo molto, molto bene. La squadra arriva al top per la partita di domenica. Per noi è davvero importante iniziare bene la stagione”.




2 thoughts on “A. Mancini: «Spremni za posebnu noć» – A. Mancini: «Pronti per una notte speciale»

Odgovori