full screen background image

Moratti: da, pregovaramo s Lampardom – Moratti: sì, stiamo trattando con Lamp

Massimo Moratti je opet progovorio. Izdašno, o svemu, kao što je zapravo uvijek činio prije burnog razdoblja razlaza s Mancinijem i dolaska Mourinha. Pričao je o budućnosti, o mercatu, o treneru, o Ibrahimoviću: vlasnik Intera nije se krio iza nedorečenih fraza. Evo, po točkama, koje su njegove trenutne misli:

LAMPARD I MERCATO
“Svi ga smatraju velikim igračem, ali to ne mora značiti da je lako doći do njega, iako pregovori s Chelseajem postoje. Napadači? Mourinho ih nije zatražio. Deco bi mogao služiti svrsi, ali ako ne dođe on doći će neki drugi igrač. Aquilani? Kome se ne dopada? Međutim, dovesti ćemo samo jednog zadnjeg veznog. Xavi nas ne zanima”.

ADRIANO
“Naravno da će se vratiti – garantira predsjednik nerazzurra –. Mourinho se želi osobno uvjeriti u njegovo stanje kao i u njegove ciljeve u klubu koji će i dogodine biti sastavljen od prvoklasnih igrača”.

IBRAHIMOVIĆ
“Isključujemo da će biti podvrgnut operativnom zahvatu, biti će mu dovoljan odmor. Želim odlučno demantirati da u našem novom dogovoru postoje sulude cifre, a potvrđujem da dogovor postoji i temelji se na njegovoj želji da ostane i da se domogne Lige prvaka kako bi ga proglasili najboljim europskim igračem ”.

NOVI IBRIN UGOVOR
“Da li je Ibra potpisao novi ugovor? Mislim da je, ali ne potpisujem ja ugovore…”. Bilo je to polu-priznanje predsjednika Massima Morattija o novom ugovoru za švedskog reprezentativca, ali ne po “suludim uvjetima”. “Ne radi se o suludim iznosima, ponavljam, ali još jednom želim potvrditi igračevu želju i zadovoljstvo da ostane u Interu, njegovu želju, a to je i naša želja, da osvoji Ligu prvaka i da postane, u crno-plavom dresu, najbolji nogometaš u Europi”, rekao je Moratti.

BALOTELLI
“U trenucima iznenadne slave, može postojati želja da se odjednom postave veliki ciljevi, ali život čine mali koraci. Sada Balotelli ima velikog trenera, i dobiti će priliku da pokaže koliko vrijedi. Nakon toga, zarađivati će onoliko koliko bude zaslužio”.

MOURINHO
“Nije da smo o tome razmišljali, ali kada sam bio primoran promijeniti neke stvari, moj je stav bio da se dovede najbolji. Pretplate su na +30%? Naravno da Mourinho ima veze s tim brojkama, postoji i znatiželja, veliko iščekivanje i rastuće želje. Za mercato sačinili smo dvije odvojene liste… šalim se, naravno. Mourinho, kao i Mancini prije njega, nisu nikada stvarali probleme s pojačanjima. Želja je da se stvori pobjednička ekipa. Mancini je uspio u tome, a Mourinho nije do sada zatražio nemoguće”.

MANCINI
“Mislim da ima prostora da se situacija popravi, već smo se čuli. Vidjet ćemo…”.


Italia

Massimo Moratti torna a parlare, a esternare. Tanto, di tutto, come ha sempre fatto prima dei giorni tormentati della bufera-Mancini e dell’avvento di Mourinho. Il futuro, il mercato, l’allenatore, Ibrahimović: il patron interista non si è nascosto dietro gli omissis. Ecco, punto per punto, il suo pensiero:

LAMPARD E IL MERCATO
“Tutti lo considerano un grande giocatore, ma questo non significa che sia facile prenderlo, comunque contatti con il Chelsea credo ci siano. Attaccanti? Mourinho non ce ne ha chiesti. Deco può servire ma o arriva lui o un altro. Aquilani? A chi non piace ma, ripeto, prenderemo un solo mediano. Xavi non ci interessa”.

ADRIANO
“Certo che torna – ha assicurato il presidente nerazzurro –. Mourinho vuole capire bene come sta e anche quali sono i suoi obiettivi nel far parte di quella che sarà comunque una rosa importante per l’anno prossimo”.

IBRAHIMOVIĆ
“Escludiamo l’intervento chirurgico, basterà un bel periodo di vacanza e di riposo. Smentisco che cisiano cifre pazzesche nell’accordo, confermo invece che l’accordo c’è e nasce dalla sua volontà di restare per vincere la Champions League e essere riconosciuto come il migliore giocatore d’Europa”.

IL RINNOVO DI IBRA
“Ibra ha firmato il rinnovo del contratto? Credo di sì, non li firmo io i contratti…”. È la mezza ammissione del presidente dell’Inter, Massimo Moratti, sul rinnovo del contratto dell’attaccante svedese, ma non a “cifre pazzesche”, sottolinea. “Smentisco che ci siano di mezzo cifre pazzesche, confermo invece l’accordo che nasce soprattutto dal suo piacere di restare all’Inter, dal suo desiderio, che poi è anche il nostro, di vincere la Champions e di diventare, con la maglia nerazzurra, il calciatore più importante in Europa”, ha detto Moratti.

BALOTELLI
“In un momento eccezionale causato dalla sorpresa per un improvviso successo, ci può essere la tentazione di farsi dei progetti eccezionali, ma la vita è fatta di piccoli gradini. Ora Balotelli ha un grande allenatore, ed è l’occasione per far vedere quello che vale. Poi guadagnerà quello che merita”.

MOURINHO
“Non è che questa cosa l’avessimo studiata prima, ma una volta costretto a dover cambiare ho pensato si dovesse prendere il numero uno. Gli abbonamenti al +30%? Mourinho c’entra, c’è la curiosità, l’attesa e quindi una spinta maggiore. Per il mercato abbiamo fatto due liste diverse… scherzo, ovviamente. Sia Mourinho che Mancini prima di lui non hanno mai creato problemi sulla campagna acquisti. L’intento è ovviamente quello di mettere su una squadra vincente. Mancini c’è riuscito, Mourinho finora non ha fatto richieste impossibili”.

MANCINI
“Credo ci siano margini per ricomporre la questione, ci siamo già sentiti. Vedremo…”.




3 thoughts on “Moratti: da, pregovaramo s Lampardom – Moratti: sì, stiamo trattando con Lamp

  1. AdnanInter060583

    Drago mi je za Ibrahimovica Adriana i mladog Balotellia jer bilo bi steta da je malac gdje otiso A pokazat ce svoju vrjednost upravo u novoj sezoni a Ibrahimovic je i bez proglasenja najbolji igrac na svejetu sad samo treba da dobije to a dobice saovim novim Interom…

Odgovori