full screen background image
Search
Tuesday 22 September 2020
  • :
  • :

Mourinho: poseban je Inter a ne ja – Mourinho: speciale è l’Inter e non io

Briljantan, siguran u sebe, a već izvrsno barata talijanskim jezikom. Josè Mourinho ostaje vjeran sebi. Prtedstavio se novinarima tijekom presice koja je trajala čitavih 45’. Kraj njega su bili Baresi, Branca i Paolillo. Međutim, pričao je samo on. I to puno. I to o svemu. Osjeća se jakim, i nije ga sram to izjaviti, i jedva čeka započeti novu avanturu. Čak je i presica započela nekoliko minuta prije zakazanog roka. Pošto je osoba koja teži savršenstvu, koja od sebe zahtjeva najviše, bacio se na knjige istim žarom kojim daje sebe na terenu. Eto, tečno priča na talijanskom i apsolutno mu ne treba prevoditelj. Čak je na jedno pitanje engleskog novinara odgovorio na engleskom, rekavši, međutim, da se radi o iznimci. Ne bježi od ogovornosti, ne boji se Mancinievog nasljeđa, kojega je više puta spomenuo, želi samo pobjeđivati, naročito se pali na Ligu prvaka. Ima široka ramena, kako se kaže, a njegova prošlost govori njemu u prilog.
POSEBAN – “U posebnom sam klubu i to je razlog zbog kojeg želim da me se zove jednostavno Mourinho. Mislim da sam veliki trener, to da, ali tu sam samo član ovog kluba. Mislim započeti novi ciklus nakon onoga kojeg je stvori veliki trener kao Roberto. Ali ja nisam kao on, a ovo predstavlja veliki izazov za mene. Siguran sam da ću dobro raditi a rezultati bi trebali biti logična posljedica takvoga rada. Sretan sam što sam u Italiji, jer sam oduvijek želio raditi u ovoj fantastičnoj nogometnoj zemlji, te se stoga zahvaljujem Morattiju i Branci što su me doveli”.
MERCATO – “Čitajući novine stvara se kriva slika o meni, kao da želim raditi sa 60 igrača. Potreban mi je 21 igrač, plus tri vratara. Dopada mi se ova ekipa, te stoga nisu potrebne dramatične promjene. Mislim da će nam trebati 2, najviše 3 igrača. I to da budemo još bolji te da malo promijenimo nogometnu filozofiju. Ovi su igrači sada moji igrači. Od ovog su trenutka najbolji na svijetu. Želim i njima reći da mi se iznimno sviđa ova ekipa. Nestrpljiv sam i jedva čekam započeti s njima, a neće biti lako čekati do 15. srpnja. Htio bi povesti sobom 21 igrača na pripreme u Brunico, dajući možda tjedan dana odmora Materazziju. Da li želim kupiti igrače Chelseaja? Ako ih Chelsea bude prodavao. Mnogi bi htjeli još igrati sa mnom”.
PREGOVORI S INTEROM – Prvi kontakti? “Dan nakon uzvratne utakmice protiv Liverpoola. Nisam, međutim, onda počeo učiti talijanski. Učio sam ga tri-četiri tjedna. radi se o neolatinskom jeziku, govorim portugalski i španjolski, i nije mi bilo teško naučiti i talijanski”.
PRVENSTVO – “Serie A je sve jača, i ponovno će biti najjača, kao što je bila u prošlosti. Milan, Juventus i Roma imaju snažne ekipe i žele biti još bolji, i sigurno će doći veliki igrači. Želim pod svaku cijenu biti među glavnim akterima prvenstva”.
OBITELJ – “Doći će sa mnom u Milano. Bez obitelji ja ne radim. Obitelj je jedina stvar u životu koja je za mene bitnija od nogometa”.
LIGA PRVAKA – “San je svih, a ne samo navijača. Ima 11 klubova koji pretendiraju naslovu: 3 talijanske, 4 engleske, 1 njemačka, 3 španjolske. Radi se o natjecanju u kojem su deltalji presudni. Razlike su upravo u tim detaljima. U posljednje 4 godine osvojio sam ju jedamput a dvaput sam stigao do polufinala, osvojivši usput i Kup Uefa. Mislim da imam dobru predispoziciju za kup natjecanja, kako nacionalnih tako i europskih. Da li je teže ovdje nego u Chelseaju, koji je do mog dolaska bio osvojio daleko manje od Intera? Izazovi su za mene uvijek isti: želim pobjeđivati. Pokušat ćemo pobjeđivati na svim frontovima, počevši od Superkupa”.
LIDER – “Vilim razgovarati s igračima da bih shvatio kako treba igrati. Volim komunikaciju, ali na kraju ja sam taj koji odlučuje”.
LA BATTUTA – “Essien i Lampard? Rekao sam da ne želim o tome razgovarati, uzaludno je da nastaviti s takvim pitanjima: vi inzistirate, ali ja nisam budala”.
ADRIANO – “Otići ću u Brazil 18. lipnja na utakmicu Brazil-Argentina. Tamo ću razgovarati malo sa svojim igračima, kako brazilcima tako i argentincima. Crespo, koji je već igrao sa mnom, sigurno će mi pomoći na način da prenese svojim suigračima da kod mene igraju samo oni koji rade dok za lijenčine nema mijesta u ekipi”.
SUSTAV – “Vilm imati jedan glavni sustav igre, ali treba se znati i prilagoditi”.
VRIJEDNOSTI – “Gospodin predsjednik poklonio mi je prekrasnu knjigu o povijesti Intera. Ja želim počet pisati novu knjigu: želim otvoriti novi ciklus. Prvo je pravilo, zaboraviti ono što je osvojeno: to je prošlost, povijest. Onog dana kada budem ustao bez ambicija, biti će znak da mi je vrijeme za povratak u Portugal”. A taj je dan još jako daleko.


Italia

Brillante, sicuro di sé, padrone di un italiano già eccellente. Josè Mourinho non si smentisce. Si presenta alla stampa con una conferenza fiume di 45’. Accanto ha Baresi, Branca e Paolillo. Ma parla solo lui. Tanto. Di tutto. Si sente forte, e non si vergogna a dirlo, ha una voglia matta di cominciare una nuova avventura, persino la conferenza inizia con qualche minuto di anticipo. E siccome è un perfezionista, e siccome per sé pretende il meglio, si è buttato sui libri come fa sul campo: con tutto sé stesso. E quindi parla già spedito nella nostra lingua, dell’interprete non c’è davvero bisogno. Anzi, spazia tra italiano e inglese, rispondendo alle domande di colleghi d’Oltremanica, ma sottolineando che il suo inglese oggi è un eccezione che utilizzerà per una sola risposta. Non rifugge le responsabilità, non lo spaventa l’eredità di Mancini, che cita più volte, vuole vincere, su tutto la Champions. Ha spalle larghe, e un passato che parla per lui.
SPECIALE – “Sono in un club speciale, per cui voglio essere chiamato Mourinho e basta. Penso di essere un grande allenatore, ma qui sono un componente in più del club. Aprirò un nuovo ciclo dopo quello modellato da un grande allenatore come Roberto. Io però sono differente, questa ora è la mia sfida. Sono sicuro di lavorare molto bene, i risultati saranno la conseguenza logica. Sono felice di essere in Italia, ho sempre sognato di lavorare in questo paese calcisticamente fantastico, ringrazio Moratti e Branca per avermi portato qui”.
MERCATO – “Sembra dalla stampa che vada a lavorare con una squadra di 60 giocatori. Invece ne voglio 21, più tre portieri. Questa squadra mi piace, non ho bisogno di cambi drammatici di organico. Abbiamo bisogno di 2, al massimo di 3 giocatori. Per migliorare, per cambiare un po’ la filosofia calcistica. Questi giocatori ora sono i miei giocatori. Da questo momento sono i migliori del mondo. Voglio dire loro che questo gruppo mi piace. Ho tanta voglia di iniziare, è difficile arrivare al 15 luglio. Vorrei portare solo 21 elementi in ritiro a Brunico, magari dando una settimana di riposo a Materazzi. Se voglio comprare giocatori del Chelsea? Se il Chelsea li vende. Molti di loro vorrebbero giocare ancora per me”.
TRATTATIVA CON L’INTER – I primi contatti? “Il giorno dopo la seconda sfida dell’Inter col Liverpool. Io, però, non ho iniziato a imparare l’italiano allora ma l’ho studiato per tre-quattro settimane. È un idioma neolatino, parlo portoghese e spagnolo, non è molto difficile per me impararlo”.
CAMPIONATO – “La serie A sta crescendo, tornerà ad essere il campionato più importante, com’era in passato. Milan, Juventus e Roma hanno ottime squadre e vogliono migliorare, arriveranno giocatori importanti. Tra i protagonisti del campionato voglio esserci anch’io”.
FAMIGLIA – “Verrà a vivere a Milano. Senza famiglia io non lavoro. È l’unica cosa più importante del calcio”.
CHAMPIONS – “È il sogno di tutti, non solo dei tifosi. 11 squadre proveranno a vincerla la prossima stagione: 3 italiane, 4 inglesi, 1 tedesca, 3 spagnole. È la competizione dei dettagli. Fanno la differenza. Negli ultimi 4 anni ho vinto una volta e ho fatto due semifinali, in più ho vinto la coppa Uefa. Credo di avere una buona predisposizione per le coppe, sia nazionali che in Europa. Se è più difficile qui che con il Chelsea, che aveva vinto meno dell’Inter? Per me le sfide sono sempre le stesse: voglio vincere. Proveremo a farlo in tutte le competizioni, persino la Supercoppa”.
LEADER – “Voglio parlare con i miei giocatori per capire come giocare. Mi piace la comunicazione, poi decido io”.
LA BATTUTA – “Essien e Lampard? Ho già detto che non ne parlo, è inutile che continuiate a domandare: voi insistete, ma io non sono pirla”.
ADRIANO – “Andrò in Brasile il 18 giugno per Brasile-Argentina. Così potrò parlare con i miei giocatori brasiliani e argentini. Crespo, che ha giocato per me, può aiutarmi a far capire ai suoi compagni che con me in panchina chi lavora gioca, e chi non lavora, chi è pigro, non gioca”.
MODULO – “Mi piace averne uno principale, ma poi sapermi adattare, creare multifunzionalità”.
VALORI VINCENTI – “Il signor presidente mi ha regalato uno splendido libro sulla storia dell’Inter. Ma ora voglio cominciare a scriverne un altro: voglio iniziare un nuovo ciclo. La prima regola sarà dimenticare quello che è stato vinto: è il passato, è storia. Il giorno che mi alzo senza ambizione sarà quello in cui tornerò in Portogallo”. Un giorno ancora molto lontano.




5 thoughts on “Mourinho: poseban je Inter a ne ja – Mourinho: speciale è l’Inter e non io

  1. fanatico

    ne vjerujem da će itkog otpisati na sljepo nego će to učiniti nakon treninga, kad bude imao još bolji uvid. Sviđa mi se izjava da neće biti velikekupovine. Par igrača ali samo velikih i na pozicijama koje nam kašlju. Više bi trebalo otpustiti igrača i malo prorjediti kadar. Imamo previše igra i to samo stvara vremenom razne probleme. Pogledajmo samo napadače-kad se vrati Adriano čak 6 !?

Odgovori