full screen background image

Cruz, 100 i nije mu dosta – Cruz, 100 e non basta

Julio Cruz je nezaustavljiv, ne želi se zaustaviti, iako cilj kojeg je postigao protiv Cagliarija je prilično prestižan. Sto golova u Italiij, sto uzvika sreće poklonjenih u manjoj mjeri navijačima Bologne (prvih 30 golova u Italiji zabio je u crveno-plavom dresu Bologne) a u većoj mjeri navijačima Intera (preostalih 70 golova postigao je u crno-plavom dresu). Ne pitajte ga koji je najvažniji za njega.“Jardinero” bi vam odgovorio kao što bi to učinili svi rasni golgeteri: “Nadam se da će najvažniji gol biti onaj kojeg ću zabiti iduće nedjelje”.

Naravno, i zato što bi pogodak u derbiju imao poseban značaj. radi se o gradskom derbiju, dobro, ali ovaj put pobjeda vrijedi puno više od prevlasti u nogometnom Milanu. Ukoliko Inter osvoji tri boda protiv Milana, osigurat će osvajanje scudetta, čak i ako Roma pobijedi Sampdoriu u Genovi (Inter bi zadržao 6 bodova prednosti dva kola prije kraja, ali zahvaljujući boljem ishodu međusobnih susreta, Inter bi osvojio titulu i u slučaju da su dvije ekipe poravnate). Cruzu je to jasno pa se zato pretplaćuje za gol koji bi mogao značiti puno za cijelu sezonu.

U međuvremenu, čekajući priliku za još veće veselje, argentinac uživa u ovim trenucima. “Sve to godi, jer nije lako afirmirati se u talijanskom prvenstvu. Radi se o najljepšem i najfascinantnijem prvenstvu na svijetu”. Stoti je gol došao na čudan način, glavom, da, ali ne samo glavom… “Osjetio sam loptu, ali nisam odmah shvatio čime sam ju pogodio. Kasnije sam pogledao bolje i vidio da sam ju zakačio i ramenom. Najvažnije nam je bilo na toj utakmici približiti se cilju, odnosno scudettu. Sada nam preostaju samo tri utakmice”.

Da. A prva je baš protiv Milana. “Da, sada nas očekuje drbi i svi mi znamo koliko vrijedi”. Derbi kojeg treba pobijediti, kao i sve ostale. A kada bi tom prilikom dobili nešto više… Cruzova je misija jasna: upravo će protiv Milana tražiti “najvažniji gol”. A najljepši, po njemu, je gol postignut protiv ekipe koju je u više navrata kaznio, čak i kao igrač Feyenorda. “To je prvi gol kojeg sam postigao kao interista Juventusu, iz slobodnog udarca (sezona 2003-2004). Bila je to jako delikatna utakmica, puno se o njoj pričalo, a onda smo otišli u Torino i autoritativno pobjedili”.


Italia

Julio Cruz non si ferma, non vuole fermarsi, anche se il traguardo che ha raggiunto contro il Cagliari è di quelli importanti. Cento gol in Italia, cento gioie regalate in piccola parte ai tifosi del Bologna (le sue prime 30 reti nel nostro Paese le ha realizzate con indosso la maglia rossoblù) e in gran numero a quelli nerazzurri (le altre 70 sono di matrice interista). Non chiedetegli però quale fra questi è il gol più importante. Il “Jardinero” risponde come probabilmente farebbero molti attaccanti di razza: “La rete più importante spero sia la prossima, che vorrei segnare domenica”.

Certo, anche perché un centro nel derby potrebbe valere tantissimo. È la stracittadina, d’accordo, ma questa volta mette in palio molto di più del semplice predominio sulla Milano calcistica. Se l’Inter uscirà dalla sfida col Milan con i 3 punti in tasca avrà la matematica certezza di aver vinto lo scudetto, anche se la Roma dovesse battere la Sampdoria a Genova (il vantaggio resterebbe in questo caso di 6 punti a due giornate dal termine, ma gli scontri diretti premierebbero comunque i nerazzurri in caso di arrivo alla pari). Cruz lo sa bene e si prenota per un gol che può valere la stagione.

Intanto, in attesa di una gioia ancora maggiore, l’argentino si gode il momento di gloria. “Fa solo piacere, perché non è facile affermarsi nel calcio italiano. Questo è il campionato più bello e affascinante che ci sia”. Il centesimo gol è arrivato un po’ così, di testa, ma non solo… “Ho sentito di aver preso la palla, ma non ho capito bene con che cosa. Poi rivedendomi ho capito di averla colpita anche con la spalla. L’unica cosa davvero importante però era vincere e avvicinarci allo scudetto. Ora mancano solo tre partite”.

Già. E la prima è proprio quella col Milan. “Sì, adesso ci aspetta il derby e tutti sappiamo cosa significa”. Un derby da vincere, come tutti gli altri. Se poi dovesse arrivare anche qualcosa di più… Cruz dunque ha una missione: contro il Milan cercherà “il gol più importante”. Il più bello invece, a suo dire, l’ha già realizzato e contro un avversario castigato più volte, anche da giocatore del Feyenord. “È il primo che ho segnato da interista alla Juve, su punizione (stagione 2003-2004 ndr). Era una partita molto sentita da parte nostra, se ne parlava tanto, siamo andati lì a vincere con grande autorità”.




2 thoughts on “Cruz, 100 i nije mu dosta – Cruz, 100 e non basta

Odgovori