full screen background image

Scudetto? Nije bitno kada… – Scudetto? Non c’entra quando…

Vladalo je zadovoljstvo među čelnicima i igračima Intera nakon pobjede protiv Cagliarija, što ih je približilo glavnom cilu sezone: osvajanju scudetta.
Predsjedniče Moratti, da li biste htjeli osvojiti scudetto u derbiju ili pred svojom publikom naredne nedjelje?

“Nije da preferiram jednu od ovih varijanti. Bitno je osvojiti ga, pa kad bude bude. Igrači će dati sve od sebe kako u derbiju tako i u preostalim utakmicama. Apsolutno se ne zamaramo time”.

Ipak osvajanje scudetta u derbiju bila bi stvar koja bi se dugo pamtila…
“Da, ali da se mene pita u ovom trenutku, meni dobra bilo koja solucija. Bitno je stići do zacrtanog cilja, čak i bitnije nego se pohvaliti stavrima koje se dugo pamte”.

Roberto Mancini, nakon utakmice protiv Cagliarija, izjavio je da se osjeća umorno. Čega je umoran?
“Bio je fizički umoran. Mislim da se umor osjeća nakon svake utakmice, a i ja se umaram. Možda i više od njega jer Mancini urla od početka do kraja… To su jako napete utakmice, kako god se okrene, iako novinska izvješća nastoje to umanjiti. Nastojati na svakom koraku osvojiti prvenstvo iziskuje napet stav, kojeg treba prenijeti i na igrače, ali na kraju to umara. Vidio sam Mancini nakon utakmice i djelovao mi je zadovoljno”.

Osvojiti scudetto na ovaj način moglo bi ublažiti razočaranje nakon ispadanja iz Lige prvaka?
“Gledajući naše prvenstvo, u ovom trenutku osvajanje scudetta pričinjava mi veliko zadovoljstvo, a o Ligi prvaka ćemo razmišljati dogodine. Naravno, svatko ima razočaranja koja želi zaboraviti, ali u ovom trenutko bio bih zahvalan ekipi zbog ozbiljnosti i upornosti kojima su pristupili prvenstvu, drugi put za redom. Valja im čestitati, ako u tome uspiju”.

U jednom trenutku izgledalo je da se osvajanje prvenstva zakompliciralo. Možda bi zato titula bila slađa…
“I prošlogodišnje prvenstvo je bilo lijepo, nemojmo to zaboraviti. Ove godine bilo je i malih kriza, ponajviše zbog serije ozlijeda naših igrača. Ne podsjećam vas na to da bi sebi stvorio alibi, naprotiv, nego isključivo da bih objasnio razlog zbog kojeg igrači nisu uspijeli zadržati isti učinak na svim utakmicama, kako u prvenstvu, tako i u Ligi prvaka. To je istina jer, na primjer, obrana je doista imala velikih problema “.

Derbi je uvijek utakmica posebnog karaktera, ali ovaj sada bi mogao biti još posebniji jer bi se moglo raditi o odlučujućoj utakmici za osvajanje scudetta? Da li se može to usporediti s finalom Lige prvaka?
“U neku ruku da. Vrijednost ovog derbija je viša u odnosu na sve ostale, jer i jedna i druga ekipa se bore za nešto te im je ishod utakmice jako bitan. Ovoga puta se manje osijeća napetost derbija a više važnost ciljeva koje su si ekipe postavile. Kako god bilo, mišljenja sam da trebamo biti praktični, odigrati utakmicu kako bi postigli željeni rezultat a ne razmišljati o uvjetima za postizanje zacrtanih ciljeva. treba dobro odigrati i to je to”.

Da je ikada bilo tako važnih derbija?
“Sve utakmice ovoga tipa imaju svoju specifičnu težinu: ima trenutaka kada iskoristiš tu utakmicu da bi se oporavio ili zato što publika to osijeća više nego inače jer možda prethodne sezone nije išlo sve po planu. Svi derbiji su lijepi jer nisu nikada beznačajni. Ovaj je pak poseban upravo zbog važnosti ciljeva za obje ekipe, i teško je prisjetiti se jedne takve utakmice”.

Sudbina je da su dva igrača koja su bila odlučujuća prošle sezone, mislimo na Julia Cruza i Marca Materazzija, bila isto tako odlučujuća u ovim važnim trenucima?
“Da, to je lijepa stvar. Posebno me raduje Materazzi, i njegov je gol bio posebne važnosti i da bi se shvatilo kolika može biti njegova težina u napadu u odrđenim situacijama. Cruzov je učinak jedna konstanta, a njegovo ga iskustvo čini tako učinkovitim a to prenosi i na cijelu ekipu. Radi se o igraču koji je po meni bolji iz utakmice u utakmicu”.

Priča se kako Materazzi ne spada u red omiljenih igrača od strane Mancinija, a nakon gola juri u zagrljaj Dejanu Stankoviću, koji je pak Mancinijev ljubimac. Zanimljivo, ne?
“Mancini ne samo da cijeni Materazzija, nego ga i voli. Kada pak treba donositi određene odluke, nekoga treba i žrtvovati. Mancini dobro zna koliko vrijedi Materazzi, a Materazzi je odlično prošao jer je zabio gol čim je ušao na teren, a to je veliko zadovoljstvo “.

Da li postoji igrač koji vam se posebno dopada i kojeg biste htjeli pokloniti navijačima za stotu godišnjicu?
“U ovom trenutku ne razmišljam o tome. Mislim isključivo o tome kako trebamo osvojiti prvenstvo, a nakon toga ćemo razmotriti situciju i vidjeti da li postoji igrač takvog kalibra koji bi odgovarao i meni i treneru i koji bi nam omogučio daljnji napredak”.

Da li vam se sviđa A. Mancini iz Rome?
“Krilni je to igrač, dobro igra i uvijek smo lijepe stvari pričali o njemu. Međutim, ima još mnogo krilnih igrača u Europi, a ne znamo još da li ćemo tražiti igrače ovoga tipa. Trenutno činimo jako malo po pitanju mercata”.
Esteban Cambiasso je tako komentirao utakmicu protiv Cagliarija: “Znali smo dobro koliko nam je važna ova utakmica, jedna od dviju utakmica što igram pred svojom publikom do kraja prvenstva, tj. jedna od onih na kojoj ne smijemo pogriješiti. Odigrali smo odlično i sada možemo stvarno reći da smo na korak do cilja. Na početku smo krenuli odmah u ofanzivu, igrajući visoki presing, te smo se bili izložili njihovoj kontri”. “Najbitnije je – rekao je još – postići uvijeg jedan gol više od protivnika. Scudetto u derbiju? Na svakoj utakmici nam pristup mora biti jednak, isto kao i na svakom treningu. Posebnost je ove ekipe da daje uvijek maksimum i na svakom treningu. Moramo učiniti još jedan korak, stoga nam koncentracije ne smije popustiti”.


Italia

Soddisfazione tra i dirigenti e i giocatori nerazzurri dopo la vittoria contro il Cagliari, importante tappa di avvicinamento all’obiettivo principale della stagione: lo scudetto.
Presidente Moratti: preferirebbe vincere lo scudetto nel derby o davanti al vostro pubblico la domenica successiva?

“Non c’è una cosa migliore dell’altra. Bisogna cercare di vincerlo, poi quando capita capita. I giocatori ce la metteranno tutta sia nel derby sia nelle partite successive. Non sottilizziamo, nella maniera più assoluta”.

Certo che vincere lo scudetto nel derby sarebbe una cosa da ricordare a lungo…
“Sì, ma all’atto pratico in questo momento mi andrebbe bene qualsiasi cosa. Mi basta arrivare al risultato definitivo che è la cosa più importante, anche più dei ricordi di questo tipo”.

Roberto Mancini, al termine della gara di ieri contro il Cagliari, ha detto di sentirsi un po’ stanco. Ma di che cosa?
“Era una stanchezza fisica. Credo che si stanchi, come mi stanco io, durante una gara. Anzi forse lui di più perchè Mancini urla dall’inizio alla fine… Sono gare di tensione comunque sia, anche se poi tutto viene alleggerito dalle cronache. Ma in realtà cercare di vincere un campionato significa aver una tensione forte da trasmettere ai calciatori, quindi questo alla fine stanca. Ho visto Mancini contento dopo la partita, decisamente contento”.

Forse vincere lo scudetto in questo modo può alleggerire la delusione per l’eliminazione dalla Champions League?
“Guardando com’è il campionato, in questo momento mi va bene vincere il campionato e per la Champions League sarà per un altro anno. Naturalmente ognuno ha le proprie delusioni da dimenticare, in questo momento sarei grato alla squadra di aver fatto un campionato serio e con molta tenacia, il secondo di seguito di questo tipo. Quindi complimenti se ci riescono”.

Ad un certo punto della stagione sembrava che il discorso campionato potesse complicarsi. Forse questo potrebbe rendere più bello il titolo perchè maggiormente vissuto…
“Anche quello della passata stagione è stato un ottimo e bellissimo campionato, non dimentichiamolo. Quest’anno è stato un campionato con qualche fase difficile, soprattutto dovuta ai gravissimi infortuni che abbiamo avuto. Non sono da ricordare per creare un alibi, tutt’altro, ma ci hanno solo impedito di avere un rendimento costante sia in coppa che in campionato. E questo è vero perchè, per esempio, la difesa è rimasta veramente colpita”.

Ogni volta il derby è sempre una partita speciale, questa volta può esserlo maggiormente vista la possibilità di vincere lo scudetto? Può assomigliare a una finale di Champions League?
“Sì, sotto un certo aspetto. Ha un valore leggermente superiore ai soliti derby perché entrambe le squadre giocano questa partita per raggiungere un obiettivo importante. Questa volta si sente di meno il derby e si sente di più l’obiettivo da raggiungere. Però, comunque, credo sia importante essere molto pratici, bisogna giocare la partita per raggiungere il risultato e non pensare a tutte le condizioni o ai diversi obiettivi che si possono raggiungere. Devi far bene, chiuso”.

Ricorda un derby così importante?
“Tutti i derby hanno peso specifico: c’è il momento nel quale ti devi rifare o perchè il pubblico lo sente di più perchè l’anno precedente è successo qualche cosa. I derby sono sempre belli perchè hanno significato. Questo è un derby che ha significato particolare a livello di obiettivi per le due squadre, è difficile trovarne un altro simile”.

È destino che due giocatori fondamentali lo scorso anno, e ci riferiamo a Julio Cruz e a Marco Materazzi, siano stati decisivi in questi momenti importanti della stagione?
“Sì, questa è una bella cosa. Sono contentissimo per Materazzi, il suo gol di ieri è stato significativo e questo fa capire quanto lui sia utile anche in zona offensiva in certe situazioni della partita. Cruz ha un certo rendimento costante, proprio lui fa dell’esperienza un fatto di efficienza che riesce a trasmettere. È un giocatore che, per conto mio, migliora gara dopo gara”.

Si dice che Materazzi non sia uno dei preferiti di Mancini, poi dopo il gol va abbracciare Dejan Stankovic che invece sembra uno dei preferiti dell’allenatore. Non è curioso?
“Mancini non solo stima Materazzi, gli vuole anche bene. Poi lui deve fare delle scelte che pensa siano giuste per la squadra e che sacrificano l’uno o l’altro giocatore. Mancini conosce esattamente il valore di Materazzi, poi a Materazzi è andata bene perchè è entrato in campo e ha subito fatto gol ed è stata una soddisfazione”.

C’è un giocatore che le piace tantissimo e che potrebbe regalare ai tifosi per il Centenario?
“Non è un momento nel quale sono distratto da questi argomenti. Sto pensando, veramente e con molta umiltà, a vincere il campionato, poi vedremo se esiste un’opportunità o una possibilità o un giocatore che può piacere sia a me che al tecnico e che possa consentirci di avere un ulteriore miglioramento”.

Le piace A.Mancini della Roma?
“È un’ala, è un giocatore che gioca bene e abbiamo sempre parlato bene di lui. Ma ci sono tante altre ali in Europa di buon valore, bisognerà vedere se ne avremo bisogno e se andremo sul mercato a cercare questi giocatori. Per il momento, sul mercato, stiamo facendo poco”.

Esteban Cambiasso ha così commentato la gara dei nerazzurri contro il Cagliari: “Conoscevamo l’importanza di questa partita, era una delle due gare che giochiamo in casa da qui alla fine del campionato, una di quella che non potevamo assolutamente sbagliare. Abbiamo giocato un’ottima gara e ora possiamo dire che siamo davvero ad un passo dal traguardo. All’inizio siamo partiti cercando di giocare in attacco pressando molto alti, ci poteva stare di prendere qualche contropiede”. “La cosa importante – prosegue – è ruiscire sempre a segnare un gol in più dell’avversario. Scudetto nel derby? Ci vuole in ogni gara la stessa attenzione, quella che stiamo mettendo in ogni allenamento. La particolarità di questa squadra è che dà sempre il massimo di quello che ha in ogni allenamento. C’è ancora un passo da fare e vogliamo restare concentrati per raggiungerlo”.




2 thoughts on “Scudetto? Nije bitno kada… – Scudetto? Non c’entra quando…

Odgovori