full screen background image

Mancini: «Mislimo samo na pobjedu» – Mancini: «Un solo pensiero, vincere»

Uoči utakmice Inter-Cagliari, u sklopu 35. kola Serie A Tim 2007-2008, koja će biti odigrana na stadionu “Giuseppe Meazza” na San Siro u Milano, s početkom u 15.00 sati, Roberto Mancini razgovarao je s novinarima.

Mancini, da li možemo reći da je danas atmosfera u Appiano Gentile bila ista kao lani uoči utakmice sa Siena?
“Ne znam. U svakom slučaju, navijači pristigli danas iz Campanie bili su tu i prošle godine, ne znam prije koje utakmice. Mislim da nije još vrijeme da bi mislili na neke druge stvari. Naše su misli usredotočene na utakmicu s Cagliarijem. Neće sigurno biti jednostavna utakmica obzirom na utakmice koje se odigravaju u ovo vrijeme. Cilj Cagliarija je da se spasi od ispadanja a trenutno je ekipa koja igra u najboljoj formi. Ponavljam, biti će prilično teška utakmica i moramo misliti samo na nju”.

Mario Balotelli je pred diskvalifikacijom: da li ćete ga sutra poštediti kako bi sigurno mogao igrati derbi iduće nedjelje?
“Derbi u ovom trenutku nije toliko bitan jer prije derbija imamo utakmicu koja je u ovom trenutku važnija, a to je sutrašnja protiv Cagliarija. Sutra ću donijeti odluku oko sastava i nastojat ću učiniti to na najbolji mogući način, ne razmišljajući o onima kojima prijeti suspenzija”.

Kako stoji Zlatan Ibrahimović?
“Nastavlja terapiju u Švedskoj i vidjet ćemo kakva je situacija kada se bude vratio”.

Da li ćemo ga vidjeti na terenu prije kraja prvenstva?
“Nadam se njegovom povratku prije kraja, odnosno, siguran sam da će se to dogoditi. Ne znam, doduše, da li će moći igrati jer već prilično vremena izbiva sa terena, ali se ja ipak nadam da hoće”.

Da li je moguće da vidimi sutra Ibru na tribini da iznenadi ekipu?
“Ne, mislim da sutra neće”.

Da li je zamjena Mario Balotelli prije kraja prvog djela utakmice protiv Torina bila taktičke naravi?
“Ne, nije apsolutno bilo taktičkih primisli u onom trenutku. Mario je mlad i često bude isprovociran: netko koristi takvu situaciju tvrdeći da čini previše prekršaja, ali to ne odgovara istini. Čini prekršaje kao što ih čine i ostali igrači. Bili su ga isprovocirali u četiri-pet navrata i nije imalo smisla riskirati njegovo isključenje zbog njegove reakcije na tako važnoj utakmici. Zato sam učinio zamjenu nakon što smo zabili gol, ali ne iz taktičkih razloga”.

Da li ste se pitali što bi bilo prošle nedjelje da su uloge bile izmijenjene, odnosno da je trener Torina bio primoran zamjeniti Rosinu zato što mu je, na primjer, Cambiasso stavio ruke na lice?
“Znam. Na žalost bilo je kako je bilo a Mariu čine stalno takve stvari. Moje je mišljenje da nije pravedno da 17-godišnji igrač mora svake nedjelje dobiti opomenu zato što ga provociraju. On bi se trebao praviti kao da se ništa ne dešava, ali ponekad mu to ne uspijeva jer je još mlad. Ali nije u redo to što mu čine”.

Onda postoji rizik da ga svi pokušaju isprovocirati, znajući da je mlad i da bi mogao reagirati?
“Mislim da se neće dešavati baš svake nedjelje. Moramo se malo strpiti i napredovat će i s tog aspekta”.

Kakva je situacija s Cristianon Chivuom?
“Odlična. Fizički je u redu, jedino ga muči rame, ali to nije od jučer”.

Da li vas iznenadila Arsenalova reakcija oko Hleba?
“Mene nije ništa iznenadilo iz prostog razloga što ja nisam o njemu razgovarao, odnosno, nisam ama baš ništa rekao. Izgleda da je netko krivo prepisao moje izjave iz novina. Rekao sam jedino da pratimo mnogo igrača, i kako nam je sada najvažnija stvar uspješno privesti prvenstvo kraju. Promašili su cilj, jer ja nisam o tome pričao”.

Da li Torino može pobijediti u Rimu tako da osvojite scudetto već protiv Cagliarija?
“Naš je put drukčiji: stalno pobjeđivati, a to ćemo pokušati i sutra. jedino je to bitno”.

Navijačima Intera bi bilo najdraže da se scudetto osvoji u derbiju. Da li je to i vaša želja ili bi zbog mogućnosti remećenja javnog reda i mira bilo bolje da se to dogodi nekom drugom prilikom?
“Nitko ne može predvidjeti što će se dogoditi, kada i gdje će se dogoditi. Naše je da dobijemo Cagliari kako bi Romu zadržali na odstojanju od šest bodova, a onda ćemo pratiti ostale događaje. teško je predvidjeti bilo što. Iskreno mislim da ne smijemo razmišljati o proslavi. To je folklor i nije još vrijeme za to. Moramo znati da nas sutra čeka iznimno teška utakmica koju želimo dobiti”.

Kakvo je vaše mišljenje o napadaču Cagliarija Robert Acquafresca? Da li ga dogodine očekujete u Milanu obzirom na to da je Inter suvlasnik?
“Puno je napredovao i stalno napreduje. Osim neosporivih tehničkih odlika, mladić posjeduje i iznimnu inteligenciju. U ovom trenzutku, međutim, on je igrač Cagliarija, a tamo se odlično ponaša. Vidjet ćemo što će se dogoditi ubuduće. Teško je sada o tome pričati”.

Roberto Mancini je pozvao 19 igrača za utakmicu Inter-Cagliari.

VRATARI: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar.

BRANIČI: 4 Javier Zanetti, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 24 Nelson Rivas, 26 Cristian Chivu.

VEZNJACI: 5 Dejan Stankovic, 11 Luis Jimenez, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 28 Maniche, 30 Pelè.

NAPADAČI: 9 Julio Ricardo Cruz, 18 Hernan Crespo, 29 David Suazo, 45 Mario Balotelli.


Italia

In vista di Inter-Cagliari, gara valida per la 35.esima giornata della Serie A Tim 2007-2008, in programma allo stadio “Giuseppe Meazza” di San Siro in Milano alle ore 15.00, Roberto Mancini si è concesso ai giornalisti.

Mancini: si può dire che oggi ad Appiano Gentile c’era la stessa atmosfera della pre-partita di Siena della passata stagione?
“Non saprei. In ogni caso i tifosi della Campania che c’erano oggi, sono venuti anche l’anno scorso non mi ricordo prima di quale partita. Credo comunque che sia un po’ prematuro pensare ad altre cose che non siano vincere la partita contro il Cagliari. Non sarà una gara semplice viste le partite che ci sono in questi tempi, il Cagliari poi deve salvarsi ed una delle squadre più in forma in questo momento. Ripeto: sarà una partita molto difficile e il nostro pensiero deve essere rivolto solo a questo”.

Mario Balotelli è diffidato: ha pensato di risparmiarlo domani pomeriggio in vista del derby di domenica prossima?
“Il derby ora non è importante, abbiamo una gara molto più importante che è quella di domani contro il Cagliari. Decideremo domani la formazione e, comunque, cercheremo di fare le cose nel migliore dei modi senza pensare ai diffidati”.

Come sta Zlatan Ibrahimović?
“Sta continuando a fare fisioterapia in Svezia e, giorno dopo giorno, vedremo come andrà e quando tornerà”.

Sarà possibile vederlo in campo prima della fine del campionato?
“Spero che possa tornare prima della fine, anzi lo farà sicuramente. Non so poi se potrà giocare perchè è un bel po’ che è fermo, però io spero di sì”.

È impensabile vedere Ibra domani in tribuna per fare una sorpresa alla squadra?
“No, domani non credo”.

La sostituzione di domenica scorsa di Mario Balotelli prima del termine del primo tempo della gara contro il Torino era per questioni tattiche?
“No, non c’entrano assolutamente nulla questioni tattiche. Mario è un ragazzo giovane e viene spesso provocato: qualcuno se ne approfitta dicendo che commette troppi falli e questo non è assolutamente vero, commette falli così come lo fanno tutti gli altri giocatori. Lo avevano provocato già in quattro-cinque occasioni, è ancora giovane e quindi era inutile correre il rischio di restare in dieci per una reazione in una partita così importante. Per questo l’ho cambiato dopo che abbiamo segnato, ma non c’entrano nulla questioni tattiche”.

Si è chiesto che cosa sarebbe successo domenica scorsa se, a parti invertite, il tecnico del Torino avesse, ad esempio, dovuto sostituire Rosina perchè Cambiasso gli aveva messo le mani in faccia?
“Lo so. Però purtroppo è successo così e con Mario lo stanno facendo in continuazione. Non credo sia giusto che un ragazzo di 17 anni ogni domenica debba prendere un’ammonizione perchè viene provocato. Lui dovrebbe fare finta di nulla, a volte non ci riesce a causa della giovane età. Ma questa cosa che fanno con lui non va bene”.

Ma così non si rischia che, sapendo che Balotelli è giovane e può reagire, tutti provino a provocarlo?
“Ora non è che tutte le domenica succederà così. Piano piano imparerà e migliorerà anche sotto questo aspetto”.

Come sta Cristian Chivu?
“Sta benissimo. Sta bene fisicamente, ha solo il problema alla spalla che si porta dietro da un po’”.

L’ha sorpresa la reazione dell’Arsenal sulla questione di calciomercato legata a Hleb?
“A me non ha sorpreso nulla perchè io non ho mai parlato di lui, anzi non ho mai detto nulla, qualcuno avrà copiato male dai giornali le mie dichiarazioni. Ho solo detto che stiamo seguendo tanti giocatori ma che la cosa più importante ora è il campionato. Hanno sbagliato obiettivo o avranno copiato male”.

Non crede che comunque il Torino possa vincere a Roma e voi possiate conquistare lo scudetto battendo il Cagliari?
“La nostra strada è un’altra: vogliamo continuare a vincere e cercheremo di farlo anche domani. Le altre cose non contano”.

Ai tifosi nerazzurri piacerebbe vincere lo scudetto nel derby, voi avete delle preferenze in questo senso o per motivi di ordine pubblico forse sarebbe meglio vincerlo in un’altra occasione?
“Nessuno può sapere se questo accadrà, quando accadrà o dove succederà. Noi cercheremo di vincere contro il Cagliari per tenere la Roma a sei punti, poi vedremo quando accadrà. Questo è difficile da sapere. Sinceramente non possiamo pensare ai festeggiamenti, sono cose folkroristiche che non contano nulla in questo momento. Dobbiamo solo pensare che domani ci aspetta una gara molto difficile che vogliamo vincere”.

Che cosa pensa dell’attaccante del Cagliari Robert Acquafresca? Pensate di portarlo a Milano il prossimo anno visto che l’Inter detiene metà del cartellino?
“È migliorato molto e sta migliorando. Il ragazzo, oltre ad avere qualità tecniche, è anche molto intelligente. In questo momento però è del Cagliari e sta facendo molto bene, vedremo che cosa accadrà più avanti. Ora è difficile parlarne”.

Roberto Mancini ha convocato 19 nerazzurri in vista di Inter-Cagliari.

PORTIERI: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar.

DIFENSORI: 4 Javier Zanetti, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 24 Nelson Rivas, 26 Cristian Chivu.

CENTROCAMPISTI: 5 Dejan Stankovic, 11 Luis Jimenez, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 28 Maniche, 30 Pelè.

ATTACCANTI: 9 Julio Ricardo Cruz, 18 Hernan Crespo, 29 David Suazo, 45 Mario Balotelli.




12 thoughts on “Mancini: «Mislimo samo na pobjedu» – Mancini: «Un solo pensiero, vincere»

  1. Dexter

    Imam jednu primjedbu: naime kad neki od vas spominju stadion nazivaju ga “San Siro”, a stvarno bi ga trebali zvati “Giuseppe Meazza”, jer se on, to svi znamo, tako zove.
    “San Siro” ga zove ona druga, tamna, strana koja bi, siguran sam, s ponosom isticala ime nekog od svojih legendi kad bi se stadion po njoj zvao.
    Nemojte da vam ovo izgleda nekakvo cjepidlačenje. Ovo primjećujem u najboljoj namjeri, jer smatram da bi svi naši stvarno trebali držati do imena legende koje ovaj stadion nosi.

  2. hate

    upravu si dexter trebamo mi interisti zvat Giuseppe Meazza jer to je nasem stadionu pravo ime.a danas igra samo pobjeda i nista drugo i vijerujem da cemo to i ostvarit. e bac da mi je biti u tvojoj kozi nadam se da si ponio digitalac.Forza Inter

  3. Dexter

    Znam ja da je to dio grada i da to nije Milanovo “ime” stadiona. Također nisam rekao da je takav naziv za nas uvredljiv.
    Samo sam konstatirao da taj stadion ima svoje ime koje bi barem mi Interisti (ako već njima na tamnoj strani takav naziv ne odgovara) trebali redovito koristiti.

  4. fanatico

    slažem se s tobom i ja osobno, mislim, nikad nisam izgovorio drukčije, ali mi ni ne smeta da netko koristi i onaj izvorni. Ja i koristim naš naziv da bi naznačio razliku između klubova.

Odgovori