full screen background image

Mancini: “Nećemo kalkulirati” – Mancini: “Non faremo calcoli”

Sutra se igra Torino-Inter, u sklopu 34. kola Serie A Tim 2007-2008, na programu na stadionu “Olimpico” u Torinu s početkom u 20,30 sati.

Roberto Mancini se susreo s novinarima u press centru sportskog centra “Angelo Moratti” nakon treninga.

Prenosimo integralnu verziju Mancinijevih izjava sa Inter.it.

Mancini, da li je smjena trenera koja je izvršena početkom tjedna u Torinu zakomplicirala sutrašnju utakmicu?
“Situacija je više manje ista, iako bi igrači Torina mogli dati više nego do sada s novim trenerom. Igramo protiv odlične ekipe, pogotovo kod kuće, koja je možda osvojila manje bodova nego što je zaslužila”.

Da li će s novim trenerom Torino biti drukčiji nego do sada?
“Promjena će sigurno biti, jer nisu svi treneri isti. Ali igrači su ti koji jesu: bila bi teška utakmica i s Novellinom na klupi, biti će teška i s novim trenerom. Situacija se neće puno promijeniti, kao ni naš cilj što se tiče konačnog ishoda utakmice”.

Osim promjene na klupi, na koje bi prepreke mago naići Inter u nedjelju navečer protiv Torina?
“Torino je, na primjer, odigrao odlično prvo poluvrijeme protiv Genoe, primili su gol u nastvaku i utakmica je krenula drugim putem. Međutim, imali su dosta prilika i u domaćoj utakmici protiv Empolija, pa su na kraju izgubili. Prije toga bili su pobijedili u Cataniji, pa stoga ne možemo govoriti o nekoj krizi. Činjenica je da se približava kraj prvenstva i da ima sve manje utakmica, pa je sasvim normalno i shvatljivo da ima straha kod onih ekipa koje se bore za opstanak. Oni, međutim, imaju više bodova od ostalih ekipa i u boljoj su situaciji. Sutrašnja će utakmica biti iznimno osjetljiva: ako mi odigramo onako kako mislim da bi trebali, bez obzira na poteškoće ishod bi trebao biti pozitivan za nas”.

Ima li dilema oko sastava uoči sutrašnje utakmice?
“Ne previše. Koga god odaberem, izbor će biti dobar jer su svi igrači dobri”.

Zašto je Zlatan Ibrahimović otišao trenirati u Švedsku?
“Moje je mišljenje da je otišao u Švedsku da mi se maknuo malo odavde, obzirom na to da je ovdje odradio sve što je trebao a tamo ima i svog fizioterapeuta. Možda je donio tu odluku da bi mogao raditi na miru, bez ikakvih pritisaka, bez primisli da mora trenirati kako bi nastupio na sljedećoj utakmici. Mislim da mu to može samo pomoći”.

U Interu ne bi trebalo biti pritisaka oko Ibre obzirom na to da ste prvi na tablici, je li tako?
“Kao što sam rekao, mislio sma na to da bi tu forsirao treninge kako bi mogao igrati. A to je pritisak, jer je Ibra tip igrača kojemu je stalo da nastupi, nije igrač koji moli Boga da ga ne uvrstim u sastav. Nije lako za igrača njegovog kalibra i njegove vrijednosti biti svijestan toga da nije u stanju dati svoj doprinos ekipi u tako teškom trenutku ”.

Kada očekujete da bi se mogao vratiti na teren?
“Bio sam se ponadao da će moći nastupiti već u Torinu, obzirom na to da je tijekom ova dva tjedna prolazio kroz dobre i manje cobre trenutke. Bili smo razgovarali krajem prošlog tjedna i takav je ishod bio isplaniran. Neka radi ovih dana u potpunom miru, bez pritisaka, a onda se nadam da će biti spreman za Cagliari ili za narednu utakmicu. Sve će ovisiti o rzvoju situacije s njegovim koljenom, odnosno da li će ga i dalje boljeti ili će bol proći”.

To znači da računate na Ibru barem za derby?
“Nadam se da će dobro trenirati i da ne bude problema oko njegovog povratka. Jasno je da će morati trenirati i s ekipom kao što je, na primjer, napravio Vieira. Igrač može biti od koristi ekipi samo ako trenira dobro i redovito te uhvati pravu formu. Igrati nespreman, kao što je Ibra činio u zadnje vrijeme, može biti pogubno kako za njega tako i za ekipu. Stoga, kao što sam već rekao, ovisit če o njegovom stanju kada se vrati u Milano”.

Netko je bio rekao da ste vi htjeli da Ibrahimović ostane u Milanu, dok je on inzistirao za Švedsku…
“Osoba koja je to rekla ne zaslužuje pažnju. Moramo voditi računa i o tome tko kaže određene stvari. Jako je nisko tražiti izgovore kako bi se netko posvađao, kao što se desilo u nekoliko navrata tijekom ove sezone”.

Ali to je moglo procuriti i iz Intera?
“Ne vjerujem da je tako, ako ništa drugo zato što smo ja i Ibra razgovarali o tome prošlog četvrtka i petka, kada je pokušao malo forsirati na treningu, pa ga je onda zabljelo koljeno. Zajedno smo odlučili što bi bilo najbolje napraviti”.

Mancini, posljednji je put kako Roma igra prije vas. Da li je takva situacija malo nezgodna?
“(smiješi se) Ne možemo odbiti igrati sutra. Činjenica je da oni igraju prije a mi tek u nedjelju navečer. Ali tu smo, utakmice su iste i za njih i za nas. Nije da oni igraju u subotu jednu pa u nedjelju drugu utakmicu. Mi moramo razmišljati samo o tome da moramo ići naprijed ”.

Bili ste rekli prije neko vrijeme da će Mario Balotelli dobiti prostora i da će to znati iskoristiti. Dali ste mu prostora u najosjetljivijem djelu prvenstva…
“Mario je odličan igrač, bez obzira na njegovu mladost. Ima puno kvaliteta, pa ako zasluži, kao sada, igrat će. Da nema takvih osobina, vjerovatno ne bi ni bio tu s nama. Njegove godine mogu biti samo prednost za njega. Igra ponajviše zbog toga što posjeduje iznimno visoke tehničke kvalitete, koje su u ovom trenutku potrebne ekipi, kao i zato što je u odličnoj formi”.

Netko je usporedio Balotellija s Trezeguetom što se tiče kretanja pred protivničkim vratima. Što mislite o tome?
“Trezeguet je veliki igrač, veliki napadač koji rijetko griješi kada je u pravoj prilici. Mariove su osobine potpuno različite od francuzovih, ali ima mnogo vrlina, kao na primjer hladnokrvnost pred dratima. I ne samo to”.

Da li ste očekivali da će Alvaro Recoba pružiti nešto više u Torinu?
“Da budem iskran, nisam previše pratio Recobine igre u Torinu, pa vam stoga ne bi znao odgovoriti na to pitanje”.

Da li je vaša želja da nogometni Milano ima dvije ekipe u Ligi prvaka?
“Na ovakvo pitanje ne bih odgovorio jer bi izbila polemika kakav god bio moj odgovor”.

Imate još pet utakmica do kraja sezone: da li ste naptravili vaše računice kako bi se domogli scudetta?
“Naš je cilj pobijediti sve preostale utakmice, nema drugih računica”.

Milanov trener Carlo Ancelotti izjavio je da da bi Milan, kako bi dohvatio zonu Champions League, morao dobiti sve utakmice do kraja prvenstva, uključujući i derby u prvom tjednu svibnja mjeseca…
“Jasno je da Ancelotti može i računati zato što njegova ekipa prilično zaostaje na tablici, pa se mora nadati da neka od ekipa ispred njega uspori ritam. Sasvim je normalo da je njihov cilj pobijediti sve utakmice kako bi se mogli nadati jednom mjestu u Ligi prvaka. Mi smo ispred pa smo stoga primorani nastaviti našim putem i pokušati dobiti sve utakmice, jer ostale računice nisu važne”.

Da li bi Interu trebao više Drogba ili Ronaldinho?
“Neću vam odgovoriti zato što pitanje nije aktuelno. Nije još vrijeme za takve razgovore”.


Italia

Domani è il giorno di Torino-Inter, gara valida per il posticipo della 34.esima giornata della Serie A Tim 2007-2008, in programma allo stadio “Olimpico” di Torino (ore 20,30).

Roberto Mancini ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del centro sportivo “Angelo Moratti” dopo la seduta di allenamento della squadra.

Inter.it vi propone la versione integrale di quanto dichiarato dal tecnico nerazzurro.

Mancini: il fatto che il Torino abbia cambiato tecnico a inizio settimana, rende più complicata la gara di domani sera?
“Ci sono sempre le stesse difficoltà, è chiaro che i giocatori del Torino potrebbero dare qualcosa in più visto il cambio del tecnico. Ma affrontiamo comunque un’ottima squadra, soprattutto in casa, che probabilmente nelle ultime gare ha raccolto meno di quanto avrebbe meritato”.

Con il nuovo tecnico in panchina, il Torino sarà diverso rispetto a quello che si è visto sinora?
“Qualcosa di diverso ci sarà, gli allenatori non sono tutti uguali. I giocatori sono quelli: sarebbe stata una partita difficile con Novellino in panchina, lo sarà comunque domani sera con un altro tecnico. Non cambierà molto la situazione e la ricerca da parte nostra di quello che vogliamo sia il risultato finale”.

Al di là del cambio di gestione tecnica, quali problemi potrebbe trovare l’Inter domani sera contro il Torino?
“Il Torino, ad esempio, ha giocato un ottimo primo tempo nell’ultima partita contro il Genoa, poi ha preso gol nella ripresa ed è cambiata la gara. Ma aveva avuto tante occasioni da gol anche nella gara in casa contro l’Empoli dove ha perso alla fine. E aveva vinto a Catania, quindi non è che sia in crisi. Il punto è che è che ormai siamo alla fine del campionato e mancano sempre meno partite, è abbastanza normle che possa venir fuori un po’ più di paura a chi è nelle parti basse della classifica. Loro, in ogni caso, hanno qualche punto in più delle altre squadre e quindi una situazione migliore. Domani sarà una gara delicata: se disputeremo una grande partita come penso, pur sapendo che sarà difficile, potremo avere buone possibilità di fare bene”.

Quanti dubbi ha, per quanto riguarda la formazione, in vista della gara di domani?
“Qualcuno, ma sinceramente non ci sono grandi dubbi. Comunque si caschi, si casca bene, visto che scelgo tra tutti giocatori validi”.

Perché Zlatan Ibrahimovic è andato in Svezia ad allenarsi?
“Credo sia andato in Svezia anche un po’ per togliersi di qua, visto che comunque aveva fatto il suo lavoro e lì c’è questo fisioterapista e le persone di sua fiducia. Probabilmente l’ha fatto anche per poter lavorare con maggiore tranquillità e senza la pressione, senza dover pensare di allenarsi per giocare la domenica successiva. Penso che gli possa soltanto fare bene”.

Ma all’Inter non ci dovrebbero essere pressioni per Ibra visto che siete primi in classifica, non è d’accordo?
“Come ho appena detto, mi riferivo al pensiero di lavorare e forzare in questi giorni per poter rientrare nella partita. Questa è una pressione perché Ibra è un giocatore che ci tiene, non è un calciatore che sta lì e spera di non giocare più. Per un giocatore importante, il fatto di non poter aiutare la squadra e non poter giocare, non è una cosa semplice soprattutto in un momento così delicato”.

Quando si aspetta di rivederlo in campo?
“Speravo che, in queste due settimane di lavoro nelle quali passava da momenti buoni a momenti meno buoni, potesse recuperare ed esserci per questa partita. Ma avevamo già parlato alla fine della scorsa settimana e si era prospettata questa situazione. Ora che lavori questi giorni con calma e tranquillità, poi spero che per la gara di Cagliari o per quella dopo possa essere a disposizione. Poi dipenderà anche da come si evolverà la situazione, bisognerà vedere se il dolore diminuirà o passerà sel tutto”.

Quindi conta di avere Ibra almeno nel derby?
“Spero che possa allenarsi bene e possa tornare senza problemi. Poi è chiaro che avrà bisogno di allenarsi anche con la squadra. Come, ad esempio è stato dimostrato anche da Vieira, un calciatore è molto utile al gruppo se si allena bene con regolarità e ritorna in forma. Giocare come aveva fatto Ibra negli ultimi tempi senza allenarsi è deletereo sia per lui che per la squadra. Quindi, come ho appena detto, dipenderà da come tornerà lui settimana prossima”.

C’è anche chi ha detto che lei avrebbe voluto fare restare qui Ibrahimović e, invece lui, ha preferito partire per la Svezia…
“Ma chi l’ha detto non fa neanche testo, non è attendibile per quello che dice. Le cose bisogna anche capire da chi vengono dette. Anche perché trovare un altro motivo per litigare ancora e dire queste cose, come è stato fatto tutto quest’anno, mi sembra veramente squallido”.

Ma questa non potrebbe essere una cosa che ha detto qualcuno all’interno dell’Inter?
“Non credo proprio, anche perché io e Ibra abbiamo parlato di questa cosa tra giovedì e venerdì scorso quando ha provato a forzare un po’ in allenamento e sentiva un po’ male al ginocchio. Dopo abbiamo deciso insieme il da farsi”.

Mancini: è l’ultima volta che la Roma gioca prima di voi, è una situazione un po’ scomoda?
“(ndr.: sorride) Non possiamo mica rifiutarci di giocare domani.. Loro giocano prima perché sono in anticipo e noi disputeremo il posticipo domenicale. Ma siamo sempre lì, le partite sono le stesse per entrambe le squadre. Non è che loro giocano una gara oggi e domani ne hanno subito un’altra. Quindi noi dobbiamo solo cercare di andare avanti per la nostra squadra”.

Tempo fa aveva detto che Mario Balotelli avrebbe avuto il suo spazio e avrebbe fatto anche bene. Gli ha concesso questo spazio nel momento decisivo del campionato…
“Mario è un giocatore bravo, anche se giovane. Ha qualità e, se merita di giocare come in questo momento, scende in campo come sta facendo. Non avesse queste qualità e non fosse così bravo, probabilmente non sarebbe neppure qui. Il fatto di essere così giovane per lui rappresenta solo un vantaggio. Gioca soprattutto perché ha grandi qualità tecniche, delle quali la squadra ora ha bisogno, e perché ha dimostrato di essere in ottima forma”.

Qualcuno ha paragonato Balotelli a Trezeguet per quanto riguarda la presenza sotto porta. Che cosa ne pensa?
“Trezeguet è un grande giocatore, un grande attaccante che sbaglia raramente quando di trova sotto porta. Mario è un calciatore totalmente diverso rispetto al francese, però ha tante qualità, come ad esempio, quello di essere freddo sotto porta. Ma ne ha tante altre”.

Si aspettava di più dalla stagione al Torino di Alvaro Recoba?
“Sinceramente non ho seguito molto Recoba al Torino, quindi non saprei dire”.

Si augura che la Milano del calcio possa avere due squadre in Champions League?
“Non rispondo a questa domanda perché, su qualsiasi cosa che potrei dire, verrebbe fatta una polemica”.

Mancano cinque giornate alla fine del campionato: ha fatto qualche calcolo per arrivare allo scudetto?
“Noi dobbiamo cercare di vincere tutte le partite che ci restano, non ci sono altri calcoli da fare”.

Il tecnico del Milan Carlo Ancelotti, invece, ha dichiarato che il Milan, per arrivare in zona Champions League, dovrà vincere tutte le partite che restano, compreso il derby della prima settimana di maggio…
“È chiaro che Ancelotti può fare qualche calcolo perché è indietro in classifica e deve sperare che qualcuno davanti a lui rallenti. Ma mi sembra abbastanza normale, devono cercare di vincere tutte le partite per centrare la zona Champions League. Noi siamo davanti e abbiamo l’obbligo di continuare a fare il nostro dovere cercando sempre di vincere, altri calcoli non contano molto”.

All’Inter potrebbe essere maggiormente utile un Drogba o Ronaldinho?
“Non rispondo a questa domanda perché non è una domanda di attualità. È presto per parlare di queste cose”.




5 thoughts on “Mancini: “Nećemo kalkulirati” – Mancini: “Non faremo calcoli”

  1. fanatico

    najbitnije je odigrati dobru utakmicu a bit će vremena za polemike jer se i iz razgovora da zaključiti da između trenera i Ibre nešto ne štima. Glupo je usred sezone kad je biti ili ne biti igrač ode od ekipe na oporavak. Treba biti i taktički u toku i ako treba taj fizioterapet je mogao doći u Milano. Treba nam mir i bit će vremena vidjeti o čem se tu radi.

Odgovori