full screen background image

Julio Cesar: Za Dinha je Inter bolji izbor – Julio Cesar: Per Dinho meglio l’Inter

Za Ronaldinha je Inter svakako bolji izbor od Milana. Buffon je još uvijek najbolji golman na svijetu. Scudetto će biti crno-plave boje. Teme su to o kojima je Julio Cesar pričao u emisiji “Pripazite na onu dvojicu” na Sky-u, koju vode Gianluca Vialli i Paolo Rossi. Top tema o kojoj je golman Intera pričao bila je budućnost Barceloninog vrhunskog igrača. Po Juliu Cesaru, najbolje bi mu bilo da se odazove Morattijevom pozivu. Rekao je to i njemu. “Mislim da je njegova želja, obzirom na ono što proživljava u Barceloni, promijeniti atmosferu, a ako dođe u Inter mi ćemo mu sigurno pomoći. Kada smo bili s reprezentacijom rekao sam mu da mora doći u Inter a on je odgovorio “vidjet ćemo, nadam se”. Kažu, navodno, da je već potpisao za Milan”. Što se pak tiče konkurencije s Gigijem Buffonom, Interov golman smatra da ima još razlika između njega i juventina, u korist ovog potonjeg. “Tehnički je Buffon izrazito jak, kao i karakterno, jer kada on nastupi obrambeni igrači znaju koga imaju otraga. Osvojio je svjetsko prvenstvu u velikom stilu, i moje je mišljene da mu je Zlatna lopta promakla samo zato što nije obranio niti jedan jedanaesterac u finalu, a mnogi su ga odabrali za najboljeg golmana na svijetu. Ja mislim da mu još nisam dorastao, iako se ne osjećam toliko slabijim od njega, ali moram nešto i osvojiti kako bih dostigao njegovu razinu”. Na kraju nešto o scudettu. “Bilo bi svakako bolje da imamo još 11 bodova prednosti, ali 4 boda čine bitku zanimljivom do kraja, jer znamo da svake nedjelje moramo pobijediti kako nas Roma ne bi dostigla. Za mene će biti lijepše ove godine ako pobijedimo”.

Evo kompletan intervju s Juliom Cesarom.

Da li bio tvoj izbor biti golman?
«Da, ja sam odabrao taj put. Počeo sam kao igrač, ali onda sam promijenio. U malom nogometu sam uvijek igrao na lijevom boku, ali posebno mi se sviđalo biti na golu».

Kakav ti je bio početak u Italiji?
«Znao sam da u Chievu neću igrati. Inter me bio pitao: želiš li ostati u Flamengu do lipnja ili želiš doći u Italiju, da se prilagodiš talijanskom nogometu i da naučiš jezik? Odabrao sam ovu drugu varijantu».

Da li si se ikada posvađao ili si nekoga prijavio dok si bio u Flamengu?
«Nisam nikoga prijavio, ali svađa je bilo. U Brazilu, kaa stvari ne idu najbolje, navijači odmah pobijesne, odu do aeropdroma i svađaju se s tobom».

Do pred malo brazilski golmani nisu bili na takvoj razini. Zašto?
«Sada smo u Europi i mislim da se bolje shvaća naš rad. U Italiji, kao u Europi, malo se gleda brazilski nogomet, ali imamo mi mnogo golmana, čak i mladih».

Da li je došlo do promjene trenda? Brazilska je škola dobra sada?
«Mislim da napredujemo. U Italiji sam svakako sazrijeo: Italija je iznijedrila puno izvrsnih golmana, Buffona, Peruzzija, Zoffa… Od kada sam tu osjećam se sigurnijim, ne znam da li zbog godina ili iskustva ».

Tko je bio tvoj idol?
«Taffarel! Bio je mnogo godina golman reprezentacije, odigrao je tri Mundiala. Bio je moj idol».

A Dida?
«Dida je moj prijatelj i veliki je golman. Omogućio je Milanu osvajanje dvije Lige prvaka, obranio je tri penala u jednom finalu. Apsolutni je šampijon i puno sam od njega naučio kada smo bili zajedno u reprezentaciji. Veliki je radnik, čak perfekcionist. Šteta za ono što je proživljavao, ali mislim da će se oporaviti».

Misliš da se nešto dogodilo?
«Ne znam, ne mogu vam reći».

Da li misliš da je prekretnica bila petarda koja ga je pogodila u utakmici Lige prvaka protiv Intera?
«Svi pričaju o tome, ali ne mislim da je baš tako».

To je Gallianijeva teorija, koja je ipak utjecala na druge…
«Na onoj je utakmici obranio i nemoguće».

Što misliš o svađi Doni-Panucci.
«Ja ne volim dizati ruke, gestikulirati. Doni mi je objasnio da je rekao nešto Panucciju a da je ovaj krivo shvatio, pa su se zato zakačili. Poslije su se razjasnili u svlačionici. Vruće glave teško je biti razborit ».

Tko je prvi vratar reprezentacije, ti ili Doni?
«Trenutno sam ja, ali ništa nije definitivno, moram održati tu istu razinu. I Doni se dobro osjeća. Ja moram iskoristiti taj trenutak».

A Olimpijada?
«Htio bih otići, u Brazilu im je jako stalo do toga. Mancini mi je rekao: “Pročitao sam da bi htio otići na Olimpijske igre, a ja mislim da bi ti trebao malo i odmoriti».

Da li ti je zasmetalo kada je Moratti pričao o tome kako bi htio Buffona u Interu?
«U prvom trenutku je, ali poslije sam došao do zaključka da ipak nešto valjam ako su me uzeli. Prva mi je godina bila tako tako, druge smo godine osvojili scudetto. Nakon toga su mi produžili ugovor i sada je još bolje. Ja mislim da sam na visokoj razini».

Moratti kaže da si na istoj razini kao Buffon, a za Inter je prednost i ta da si ti došao bez odštete, što znači da nisi koštao koliko bi jedan Buffon mogao koštati.
«Meni je zadovoljstvo slušati tako nešto. Buffon je tehnički najjači, karakterno je jak, a kada je on na golu obrambeni igrači su sigurniji. Osvojio je Svjetsko prvenstvo u velikom stilu, i moje je mišljene da mu je Zlatna lopta promakla samo zato što nije obranio niti jedan jedanaesterac u finalu, a mnogi su ga odabrali za najboljeg golmana na svijetu. Ja mislim da mu još nisam dorastao, iako se ne osjećam toliko slabijim od njega, samo što moram nešto i osvojiti kako bih dostigao njegovu razinu».

Moraš popraviti dojam kod slobodnih udaraca (gledajući snimku primljenog gola od Corinija na utakmici Palermo-Inter).
«Na ovakvom slobodnjaku, dva dana prije mi je Mancini rekao da postavim živi zid suprotno. Nisam nikada tako postavljao zid prije toga, ali pokušao sam. U nekim slučajevima sam ja bio pogriješio, i zato što golma ne smije nikada popiti gol na svojoj stativi. Kada sam protiv Parme primio gol iz slobodnjaka, bio sam se stvarno naljutio: htio sam mrežu pojesti».

Postao si specijalist u obrani jedanaesteraca?
«Istina je».

Da li odlučiš unaprijed na koju ćeš se stranu baciti?
«Ponekad da, ali često odlučim u trenutku, kada vidim na koji će način igrač pucati. Ponekad sačekam, ponekad odaberem unaprijed stranu. Kažu da je najbolje sačekati do posljednjeg trenutka».

Da li ti jedna strana više odgovara?
«Kada sam bio jako mlad bilo mi je teže bacati se ulijevo, ali me onda trener odveo na pijesak i prisiljavao me da se bacam do iznemoglosti. Sada sam puno bolji, ali još uvijek preferiram desnu stranu».

Koliko ti je žao zbog ispadanja iz Lige prvaka?
«Suigrači su bili odlični, ali nije lako igrati 10 protiv 11, s tim da smo u odbrani odigrali gotovo savršeno. A onda se dogodilo ono što se dogodilo i ispali smo na pomalo tužan način».

Gerrardov gol u Liverpoolu?
«Zasmetao mi je bio Chivu, zakomplicirao mi je život, uklizao mu je da bi na kraju povukao nogu da izbjegne autogol, a ja sam krenuo s zakašnjenjem».

Protiv Liverpoola nismo baš mogli vidjeti najbolje izdanje Intera?
«Teško je igrati s deset igrača. Ne želim okriviti Materazzija, jer se takve stvari mogu desiti. Puno smo utakmica odigrali s igračem manje ove sezone, ali drukčije je protiv ekipe koja je navikla igrati u Ligi prvaka i koja tri godine stiže do finala. Znaju držati loptu. Da smo gore odigrali 0-0, u Milanu bi bila druga priča».

Da li je stvar mentaliteta?
«Nije to stvar psihologije. Mislim da nismo imali sreće zbog dva žuta kartona Materazziju, od kojih prvi nije uopće bio. U onom je trenutku utakmica otišla u drugom smjeru».

Da li ćete osvojiti scudetto?
«Dosta je da napravimo ono što smo u nedjelju napravili protiv Fiorentine, ekipe za koju su svi mislili da nas je sposobna zaustaviti; odigrali smo u velikom stilu, a suigrači su mi omogućili da se odmorim tijekom cijele utakmice, ako izuzmemo dvije obrane na Mutuu i Vieriju, a sve to uz njihovu dobru igru».

Prošle ste godine osigurali scudetto 5 kola prije kraja. Imate Romu na samo 4 boda, da li se toga plašite ili vas to stimulira?
«Bilo bi svakako bolje da imamo još 11 bodova prednosti, ali sa 4 boda je zanimljivije, jer znamo da svake nedjelje moramo pobijediti kako nas Roma ne bi dostigla. Za mene će biti lijepše ove godine ako pobijedimo».

Nešto o Ibri.
«Koljeno ga jako muči».

A o Balotelliju.
«Stvarno je dobar, i sretan sam kako mu ide. Kada ode spavati, ne vjeruje da mu se to dešava».

Koga bi izabrao za najboljeg vratara u Ligi prvaka?
«Reina, dobar je i s nogama».

Tko će osvojiti ligu prvaka ove godine?
«Manchester, zbog igrača koje imaju u napadu».

Da li bi volio igrati s Adrianom i iduće sezone?
«Svakako. Sada se smirio, sretan je, i postati će po drugi puta tata. Moje je mišljenje da bi se mogao vratiti. Radi se o napadaču kojeg bi svatko htio imati. Ja ne znam što je u njegovoj glavi, ali htio bih da se vrati, a takav igrač nedostaje i Brazilu».

Ronaldinho: da li bi više trebao Milanu ili Interu?
«Interu. Što se obrane tiče, na miru smo. Obzirom na ono što proživljava u Barceloni, mislim da je njegova želja promijeniti klimu, a ako dođe u Inter mi ćemo mu sigurno pomoći. Kada smo bili s reprezentacijom rekao sam mu da mora doći u Inter a on je odgovorio “vidjet ćemo, nadam se”. Kažu, navodno, da je već potpisao za Milan».


Italia

Per Ronaldinho l’Inter è meglio del Milan. Buffon è ancora il migliore portiere del mondo. Lo scudetto sarà nerazzurro. È un Julio Cesar a ruota libera quello che si presenta negli studi di Sky per la trasmissione “Attenti a quei due” condotta da Gianluca Vialli e Paolo Rossi. L’argomento più importante affrontato dal portierone nerazzurro è il futuro del fuoriclasse del Barcellona. Julio Cesar lo vedrebbe bene alla corte di Massimo Moratti. E l’ha anche detto al connazionale. «Penso che con quello che sta succedendo a Barcellona, lui abbia voglia di cambiare situazione e se arriva all’Inter, lo aiutiamo. In nazionale gli ho detto devi venire all’Inter e lui ha detto “vediamo, speriamo”. Dicono che abbia già firmato per il Milan». Quanto alla concorrenza con Gigi Buffon, l’estremo difensore dell’Inter pensa che tra lui e lo juventino ci sia ancora qualche differenza a favore di quest’ultimo. «Buffon è tecnicamente fortissimo, ha carattere, quando scende in campo i difensori sanno chi hanno dietro. Ha vinto un mondiale alla grande, penso che non abbia vinto il Pallone d’Oro perché non ha parato un rigore in finale e tanti hanno scelto lui come migliore portiere al mondo. Penso di essere ancora un po’ indietro, non mi sento inferiore, ma devo conquistare tante cose per arrivare al suo livello». Infine un accenno alla lotta scudetto. «Era meglio se avevamo ancora 11 punti di vantaggio, però con solo 4 punti è più avvincente, ogni domenica sappiamo che dobbiamo vincere perché se no la Roma ci raggiunge. Per me sarà più bello quest’anno se vinciamo».

Ma ecco il testo completo dell’intervista.

Hai scelto tu di fare il portiere?
«Ho scelto io. Ho cominciato a giocare fuori, poi ho cambiato. Ho cominciato a giocare a calcetto, a sinistra, ma mi è sempre piaciuto fare il portiere».

Come sono stati i primi anni in Italia?
«A Chievo sapevo che non avrei giocato. L’Inter mi aveva chiesto: vuoi rimanere al Flamengo fino a giugno o vuoi venire in Italia, imparare il calcio italiano e la lingua? E ho scelto così».

Ma hai litigato o denunciato qualcuno quando eri al Flamengo?
«Non ho denunciato nessuno, ma abbiamo litigato. In Brasile, quando le cose non vanno bene, i tifosi si arrabbiano subito, vanno in aeroporto e litigano».

Perché fino a pochi anni fa non eravate portieri di livello?
«Adesso siamo in Europa e penso che si capisca meglio il nostro lavoro. In Italia, in Europa, si guarda poco il calcio brasiliano, ma abbiamo tanti portieri, anche giovani».

C’è un inversione di tendenza? Il Brasile ha una buona scuola adesso?
«Penso che stiamo crescendo. Da quando sono in Italia sono maturato tanto: l’Italia fa crescere tanti ragazzi già bravi, abbiamo Buffon, Peruzzi, Zoff. Da quando sono arrivato mi sento più sicuro, non so se per l’età o l’esperienza».

Chi è stato il tuo mito?
«Taffarel, è stato il portiere della Nazionale per tanti anni, ha fatto tre mondiali. È il mio idolo».

E Dida?
«È mio amico, è un grandissimo portiere, ha fatto vincere al Milan due Champions League, ha parato tre rigori in una finale. È un campione assoluto, ho imparato tanto da lui quando eravamo in nazionale insieme. È uno che lavora tanto, è un perfezionista. Peccato che è successo questo con lui, però penso che riprenderà subito».

Secondo te è successo qualcosa?
«Non lo so, non lo posso dire».

Secondo te è stato rilevante il petardo che lo ha colpito nella partita di Champions contro l’Inter?
«Tutti dicono questo, ma non penso».

Galliani ha questa teoria, che un po’ ha inciso…
«In quella partita ha parato tutto».

Sul litigio Doni-Panucci.
«A me non piace proprio alzare le braccia, fare gesti. Doni mi ha spiegato che ha detto qualcosa a Panucci, lui ha capito una cosa diversa e hanno litigato. Ma poi hanno chiarito negli spogliatoi. Quando sei con la testa calda è difficile ragionare».

Chi è il titolare della nazionale tra te e Doni?
«Adesso sto giocando io, ma non è una cosa definitiva, devo continuare a mantenere la regolarità. Anche Doni sta benissimo. Io devo approfittare di questo momento».

E le Olimpiadi?
«Vorrei andare tantissimo, in Brasile ci tengono tanto. Il mister Mancini mi ha detto: “Ho letto che vorresti andare a giocare le Olimpiadi, tu devi riposare un po’».

Il fatto che in passato Moratti parlasse di Buffon all’Inter ti ha infastidito?
«Un po’ di fastidio è normale, ma ho pensato subito che se loro mi hanno preso è perché ho delle qualità. Il primo anno ho fatto così così, il secondo anno, abbiamo vinto lo scudetto. Poi mi hanno prolungato il contratto ed è stato ancora meglio. In questi anni sto facendo bene».

Moratti dice che sei al pari di Buffon, ma con un vantaggio, cioè che sei arrivato a parametro zero, quindi non sei costato quanto sarebbe potuto costare Buffon.
«Per me è un piacere. Buffon è tecnicamente fortissimo, ha carattere, quando scende in campo i difensori sanno chi hanno dietro. Ha vinto un mondiale alla grande, penso che non abbia vinto il Pallone d’Oro perché non ha parato un rigore in finale e tanti hanno scelto lui come migliore portiere al mondo. Penso di essere ancora un po’ indietro, non mi sento inferiore, ma devo conquistare tante cose per arrivare al suo livello».

Devi migliorare sui calci di punizione (vedendo le immagini del gol su punizione segnato da Corini in Palermo-Inter).
«Su questo calcio di punizione, due giorni prima Mancini ha chiesto di mettere la barriera al contrario. Io non l’avevo mai fatto in vita mia, però ci ho provato. In altri casi ho sbagliato io perché il portiere non può mai prendere il gol su punizione sul proprio palo. Sul gol su punizione preso contro il Parma mi sono arrabbiato davvero, ho mangiato anche la rete della porta».

Sei diventato uno straordinario para-rigori?
«È vero».

Tu decidi prima da che parte buttarti?
«Qualche volta sì, comunque conta molto il momento per me, il modo in cui l’attaccante tira. Qualche volta aspetto, qualche volta decido prima dove buttarmi. Dicono che la cosa migliore sia aspettare fino alla fine».

C’è una parte in cui si va giù meglio?
«Da piccolo avevo difficoltà a buttarmi a sinistra, poi ho avuto un allenatore che mi portava sulla sabbia e mi faceva buttare. Adesso sono migliorato tanto, ma ancora mi butto meglio a destra».

C’è qualche rimpianto per l’uscita dalla Champions League?
«I compagni sono stati bravissimi, non è facile giocare in dieci, dietro abbiamo fatto una partita quasi perfetta. Poi è accaduto quello che è accaduto e siamo usciti tristi».

Sul gol segnato da Gerrard a Liverpool.
«Mi ha dato fastidio Chivu, mi ha messo in difficoltà, è andato in scivolata poi alla fine cerca di togliere le gambe perché rischiava di fare autogol e io sono partito in ritardo».

L’Inter che ha affrontato il Liverpool non era l’Inter migliore?
«È difficile quando si gioca in dieci. Non voglio dare la colpa a Materazzi perché capita. Abbiamo giocato tante partite in dieci quest’anno, però giocare una partita contro una squadra che sa giocare la Champions, che negli ultimi tre anni è arrivata in finale, che sa gestire la palla, se fosse finita 0-0 sarebbe stato un altro discorso il ritorno».

È un problema di mentalità?
«Non è proprio psicologia, penso che siamo stati sfortunati con il doppio giallo a Materazzi, il primo non c’era. Penso che lì la partita abbia preso un’altra direzione».

Lo vincerete lo scudetto?
«Basta fare quello che abbiamo fatto domenica scorsa contro la Fiorentina, una squadra che tutti pensavamo ci avrebbe fatto perdere punti; abbiamo fatto alla grande, i miei compagni mi hanno anche fatto riposare, ho fatto solo alla fine una parata su Mutu e Vieri, però loro hanno giocato molto bene».

L’anno scorso avete vinto il campionato con 5 giornate d’anticipo. È uno stimolo avere la Roma dietro o è una preoccupazione?
«Era meglio se avevamo ancora 11 punti di vantaggio, però con solo 4 punti è più avvincente, ogni domenica sappiamo che dobbiamo vincere perché se no la Roma ci raggiunge. Per me sarà più bello quest’anno se vinciamo».

Su Ibra.
«Ha un ginocchio che lo sta disturbando tanto».

Su Balotelli.
«È bravo, sono contento per quello che sta facendo. Quando va a letto non ci crede neanche».

Chi è il più bravo dei portieri in Champions secondo te?
«Reina, è bravo anche con i piedi».

Chi vincerà la Champions League quest’anno?
«Il Manchester, per quello che hanno davanti».

Ti piacerebbe giocare con Adriano l’anno prossimo?
«Sì. Adesso è più tranquillo, è felice, diventa ancora una volta papà. Io credo che potrebbe tornare. È un attaccante che vorrebbero tutti. Io non so cosa sta pensando lui, però mi piacerebbe, è uno che manca a noi brasiliani».

Ronaldinho: farebbe più comodo al Milan o all’Inter?
«All’Inter. Con i difensori siamo a posto. Penso che con quello che sta succedendo a Barcellona, lui abbia voglia di cambiare situazione e se arriva all’Inter, lo aiutiamo. In Nazionale gli ho detto devi venire all’Inter e lui ha detto “vediamo, speriamo”. Dicono che abbia già firmato per il Milan».

izvor : Corriere dello sport




11 thoughts on “Julio Cesar: Za Dinha je Inter bolji izbor – Julio Cesar: Per Dinho meglio l’Inter

  1. fanatico

    sjajni Julio, već dulje vremena možda i naš najboji igrač i jako mi je drago da je izašao ovaj intervju s njim da ga malo čujemo. Bit će veliki golman i jednom sam rekao da je to novi Zenga. Naravno da je teško ponoviti karijeru našeg najboljeg golmana u povijesti ali i sama usporedba je dovoljna da imamo vrhunskog čuvara mreže.

  2. Dexter

    Ma on je već sad među 5 najboljih svjetskih golmana, u to nema sumnje. Kad su lani naši govorili da će dovest Buffona ja sam bio sam sa sobom strašno protiv i tvrdio da nam ne treba bolji golman od Cesara. Evo sad se pokazuje kolika je, ustvari, on klasa.

  3. Otto J.

    Slažem se da je Julio Cesar vrhunski vratar, a činjenica da je Susana Werner odabrala njega a ne… Zekodlaka predstavlja samo plus za našeg novog Zengu, kome usput želim od srca da spasi Cataniu od ispadanja.

  4. vieri_per_sempre

    PO MENI JE JULIO TRENUTAČNO NAJBLOLJI GOLMAN NA SVIJETU ALI JOŠ I BOLJE ŠTA NIJE PRGAV I ŠTA SE NA PRECIJENJUJE
    A O DINHU DOBRO GOVORI ŠTA ĆE MU KUP UEFA
    KAD MOŽE U PRVAKA ITALIJE I LIGU PRVAKA

Odgovori