full screen background image

Chivu stišće zube – Chivu stringe i denti

Cristian Chivu stišće zube i najvjerojatnije će nastupiti protiv Fiorentine njegovog prijatelja i suigrača u reprezentaciji, Adriana Mutua. Sve to da bi osvojio scudetto kojeg je lani uzalud lovio u dresu Rome. Ne samo to. Muči ga povreda ramena i poslije Europskog prvenstva u dresu Rumunjske podvrgnut će se operativnom zahvatu: “Svi su stisnuli zube tijekom ove sezone – ha detto – i ne vidim zašto ne bi to i ja učinio. Svi znaju da moram na operaciju, ali tek poslije Eura. Što se tiče ozlijeda, naša je sezona nevjerojatno puna pehova. Zbog svega toga, svi su u ovom trenutku potrebni. U Bergamu smo odigrali dobro, ušli smo u utakmicu svjesni toga da su nam tri boda neophodna u ovoj fazi sezone”.
Rumunj je analizirao trenutnu krizu ekipe Roberta Mancinija u ovom drugom dijelu sezone: “Radi se o fiziološkom padu, što se svakome može dogoditi, ali možda bi bili prošli i bez toga da nije bilo toliko ozlijeđenih igrača. Međutim, govorili smo da će sezona biti iznimno dugačka i kada smo imali jedanaest bodova prednosti. Na žalost, ispadanje iz Lige prvaka od Liverpoola psihološki nas je dotuklo, ali uspjeli smo se sabrati i preborditi ove teške trenutke”.
Chivu je pričao i o Zlatanu Ibrahimoviću i o njegovom trenutku: “Teško je davati savjete Ibri. Njegov je problem koljeno, pa stoga je njegova pozicija drukčija u odnosu na mene. On zna što radi i znati će i kada treba stisunti zube a kada odmarati. Nadam se da će u ovoj odlučujućoj fazi prvenstva biti dovoljno… odlučujućih igrača u Interu”.
Nakon toga prelazi na dvoboj protiv Fiorentine, protiv prijatelja Adriana Mutua, s kojim će na Europskom prvenstvu pokušati pomrsiti račune Italiji: “Mutu me iznenadio zbog drskosti kojom želi pokazati koliko je močan. Nema kod njega nepotrebnih poteza, sve su to vrhunski potezi. Neće nam biti lako protiv Fiorentine, i zato što nas jedna ambiciozna Roma pokušava uhvatiti i koja je, u odnosu na prošlu sezonu, imala daleko manje oscilacija. Roma je bila jaka i prošle sezone, a ja poznajem dobro koje su ambicije kluba i Luciana Spallettija”.
I na kraju malo o sebi: “Ne opterećujem se time što ne zabijam golove, najsretniji sam kada ekipa pobjedi. Ako pak postignem gol, tim bolje, al nemam problema. Htio bi igrati u Italiji do kraja karijere jer mi je tu predobro”.
Protiv Fiorentine, Roberto Mancini neć emoći računati na Ibrahimovića. Napadač je trenirao po posebnom programu, napreduje, ali stručni stožer ne želi ništa riskirati i čini se da će nastupiti tek idućeg tjedna protiv Torina. Ako računamo na to da će Chivu nastupiti od početka utakmice, Mancinijeva će briga biti koga ostaviti na klupi: Burdisso i Materazzi su u borbi za jedno mjesto u početnoj jedanaestorici, s tim da je argentinac u laganoj prednosti. Što se ostalih tiče, ne bi trebalo biti iznenađenja u veznom redu: Stanković će igrati desno, Zanetti na suprotnoj strani, dok će dva srednjaka biti Cambiasso i Vieira. Umijesto Crespa, koji bi mogao završiti čak na tribini, biti će Cruz, koji je u Bergamu pokazao da se vraća u formu.


Italia

Cristian Chivu stringe i denti e tornerà con ogni probabilità in campo contro la Fiorentina del suo amico e compagno di Nazionale Adrian Mutu. Per vincere quello scudetto che ha inseguito la passata stagione con la maglia della Roma. Ma non solo. Il romeno soffre, la sua spalla non è a posto e dopo gli Europei con la Romania dovrà operarsi: “Tutti hanno stretto i denti in questa stagione – ha detto – non vedo perché non dovrei farlo io. Tutti sanno che mi devo operare, ma lo farò dopo l’Europeo. A livello di infortuni la nostra stagione è stata incredibilmente sfortunata. Per questo ora c’è bisogno di tutti. A Bergamo siamo stati bravi, siamo entrati in campo sapendo che in questo finale di stagione quei tre punti erano molto importanti”.
Il difensore romeno torna sul momento di calo della truppa di Roberto Mancini in questa seconda parte di campionato: “Un calo è fisiologico e capita a tutti, forse lo avremmo evitato senza infortuni, ma lo avevamo detto che la stagione sarebbe stata lunga anche quando avevamo undici punti di vantaggio. Purtroppo l’eliminazione dalla Champions League per mano del Liverpool ci ha fiaccato a livello psicologico. Ma insieme siamo riusciti a superare il momento critico”.
Chivu parla anche di Zlatan Ibrahimović e del particolare momento dello svedese: “È difficile dare consigli a Ibra. Il suo problema è ad un ginocchio e quindi diverso dal mio. Lui sa gestirsi e quindi sa quando è il momento di stringere i denti e quando quello di riposare. Ora spero che in questo finale di stagione ci siano più giocatori decisivi per questa Inter”.
Poi si pensa alla prossima sfida contro la Fiorentina, alla sfida contro il suo amico Adrian Mutu, che poi sarà con lui all’Europeo a sfidare l’Italia: “Di Mutu mi meraviglia la cattiveria che ha dentro di dimostrare quanto è forte. Non fa mai giocate inutili, ma tutte di alta scuola e spesso gli riescono. La sfida contro la Fiorentina non sarà facile, anche perché ci insegue una Roma ambiziosa che rispetto alla passata stagione è riuscita ad essere più continua. La Roma era forte anche l’anno scorso, poi io so bene le ambizioni della società e di Luciano Spalletti”.
Ultime considerazioni su se stesso: “Non segnare non è un peso, io sono contento quando vince la squadra, poi se segno io meglio, ma non c’è problema. Io vorrei finire la mia carriera in Italia, perché qui sto troppo bene”.
Contro la Fiorentina Roberto Mancini con ogni probabilità dovrà fare a meno di Ibrahimović. L’attaccante anche oggi si è allenato a parte, sta migliorando, ma lo staff tecnico sembra intenzionato a non rischiarlo per riaverlo al meglio in occasione della trasferta di settimana prossima contro il Torino. Considerando che Chivu sarà in campo dal primo minuto, Mancini dovrà decidere chi mettere in panchina: Burdisso e Materazzi si giocano l’altra maglia da titolare, con l’argentino in netta ripresa. Per il resto non dovrebbero esserci sorprese a centrocampo dove giocheranno Stanković a destra, Zanetti sulla corsia opposta, mentre i due centrali saranno Cambiasso e Vieira. Al posto di Crespo, che potrebbe finire addirittura in tribuna, ci sarà Cruz, apparso in ripresa domenica scorsa a Bergamo.




One thought on “Chivu stišće zube – Chivu stringe i denti

  1. fanatico

    opet Stankovic i Cruz, za poludit…pa šta treba napraviti Jimenez ili Suazo da igraju. Ajde Crespa necu spominjati jer mi je jasno da ga je prekrižio. Glupan…vidjet cemo sljedece sezone kad od,e koliko ce se još nazabijati golova.

Odgovori