full screen background image

Mancini: “Scudetto je naš” – Mancini: “Lo scudetto è nostro”

MILANO – Izbjegava bilo kakvu polemiku i potvrđuje vrijednost Interovih… dionica. Roberto Mancini priča o unakrsnim rivalitetima koji okružuju utakmicu Lazio-Inter te isključuje popustljivost rimljana: “Nema tog igrača koji ne želi pobjedu onog trenutka kad stavi nogu na teren ”. U prijevodu, neće biti nikakve “pomoći” kako bi se onemogućilo Romi bilo kakvo približavanje vrhu ljestvice. “Biti će izuzetno teška utakmica. Lazio je u velikoj formi ali mi moramo pobjediti – rekao je još Mancini –. Imamo 4 boda prednosti i ne smijemo biti previše zabrinuti jer ćemo ostati i dalje na toj poziciji”. Interov je trener smiren, čak i kada razgovor skrene… prema njegovoj klupi i riječima Massima Morattija, koji mu je potvrdio povjerenje i za budućnost: “Nisu bile potrebne predsjednikove riječi. Ja dobro znam što me čeka, iako me njegove riječi vesele”.
NISU NA RASPOLAGANJU – Cambiasso, Vieira i Cesar neće krenuti na put za Rim: “Da smo mi četiri boda iza prvoplasirane ekipe situacija bi bila puno složenija. Imamo određenu prednost i još 8 utakmica za odigrati, koje možemo sve dobiti. Nadam se da ću od idućeg tjedna moći računati na neke od povređenih igrača. Da li sam zabrinut? Ne, zato što mislim da ćemo završiti prvenstvo na čelu ljestvice. Uvijek sam govorio, a to i sada tvrdim, da treba odigrati do kraja ”.
IBRA I DEKI – “Ibrahimović je izvršio još jedan prgled i liječnik mu je preporučio određene vježbe za koljeno i rekao mu je da može biti miran. Vratio se pun želje i volje i tri dana radi izvanredno. Uvjeren sam da će dobiti na kvaliteti i da će biti bitna karika u našoj igri ukoliko nastavi s takvim radom”, rekao je Mancini o trenutnoj situaciji sa švedskim reprezentativcem, koji bi mogao čak i započeti utakmicu na Olimpicu. Trener je spomenuo i Dejana Stankovića. “Protiv Juventusa odigrao je odličnu utakmicu. Imao je do sada puno problema, zato što vuče bolove od početka sezone. Pauzirao je dva mjeseca ali trudi se maksimalno kako bi mogao igrati, jer postoji rizik da nas ne bude niti jedanaest. Mislim da je velika stvar za igrača i za cijelu ekipu: ne možemo onda očekivati stopostotni učinak od njega, ali u ovom trenutku nam je dovoljno da igra i ispod razine njegovih najboljih igara”.


Italia

MILANO – Scansa le polemiche, ma rilancia le quotazioni dell’Inter. Roberto Mancini parla dell’incrocio di rivalità che avvolge Lazio-Inter ed esclude favoritismi: “Non esiste nessun giocatore che non voglia vincere una volta in campo”. Insomma nessun “aiutino” per impedire alla Roma di avvicinare la vetta. “Sarà una gara difficile, la Lazio è in un ottimo momento, ma dobbiamo vincere – continua –. Siamo 4 punti avanti, non ci dobbiamo preoccupare e finiremo davanti in classifica”. Il tecnico si mostra sereno anche quando il discorso cade sulla sua panchina e sulle parole di Massimo Moratti, che gli ha riconfermato la fiducia anche per il futuro: “Non c’era bisogno delle parole del presidente, io so quello che mi aspetta, anche se sono parole che mi hanno fatto piacere”.
INDISPONIBILI – Cambiasso, Vieira e Cesar non partiranno per Roma: “Se fossimo quattro punti dietro alla prima sarebbe una situazione più delicata. Abbiamo un certo vantaggio con 8 gare da giocare e possiamo vincerle tutte, spero dalla prossima settimana di poter recuperare alcuni degli infortunati. Preoccupato? No, credo che finiremo in testa alla classifica. Ho sempre detto che era ed è un campionato da giocare fino in fondo”.
IBRA E DEKI – “Ibrahimovic ha fatto una visita di controllo, il professore lo ha tranquillizzato e gli ha detto che tipo di lavoro deve portare avanti per il ginocchio. È tornato con grande spirito ed è già tre giorni che lavora molto bene, sono certo che farà un grande salto di qualità e diventerà fondamentale se continuerà a lavorare in questo modo”. Così Mancini sulle condizioni dello svedese, che potrebbe addirittura partire titolare nella gara dell’Olimpico. Il tecnico ha parlato anche della situazione di Dejan Stankovic. “Contro la Juventus ha giocato un’ottima gara. Ha avuto parecchi problemi, perché si porta dietro un dolore che lo condiziona sin dall’estate. Pensate che è stato fermo per due mesi e ogni partita fa di tutto per giocare, altrimenti rischieremmo di non essere neppure in undici. Credo che questa sia una grande cosa per un giocatore ed è molto importante per il gruppo: è chiaro che magari non rende al cento per cento, ma in questo momento ci basta anche che sia sotto il suo livello migliore”.

105380-480.jpg 105382-480.jpg 105384-480.jpg 105386-480.jpg




One thought on “Mancini: “Scudetto je naš” – Mancini: “Lo scudetto è nostro”

Odgovori