full screen background image
Search
Wednesday 20 October 2021
  • :
  • :

Moratti: “Nepravedno isključenje” – Moratti: “Espulsione ingiusta”

MILANO – Predsjednik Intera, Massimo Moratti, u četvrtak ujutro dao je kratku izjavu novinarima na izlasku iz svoje kancelarije u tvrtki Saras.

Predsjedniče, bilo je teško i jučer navečer u Genovi…
“Da, prilično. Bila je teška utakmica, naročito kada smo ostali s deset igrača. Ako se mene pita, isključenje je bilo nepravedno i bitno je utjecalo na tijek utakmice. To nam je stvorilo prilično problema i utakmica je postala jako teška, i zbog umora nakon niza teških utakmica ”.

To je deseti put što Inter mora u ovoj sezoni igrati s deset igrača. Što se nije pričalo da vam suci pomažu…
“Takve se stvari mogu ivijek dogoditi. Međutim, čini mi se da je prosudba jučer navečer bila prilično stroga ”.

Produžena patnja i za Romu. Da li vam je treći gol Lazia u rimskom derbiju vratio osmjeh na licu?
“Nogomet je ponekad nemilosrdan: kada misliš da imaš pobjedu u ruci, dogodi se nešto sasvim suprotno. Međutim, nije se puno promijenilo. Morati ćemo biti na oprezu do završetka prvenstva”.

Bez obzira na fizički umor, da li bi mogao nastupuiti i psihički umor nakon toliko isključenja?
“Što želite reći? Da li mislite da je Peleovo iskljućenje plod psihičkog umora? Ja mislim da nije baš tako…”.

Da je malo više pazio, možda je Pele mogao izbjeći drugi žuti karton i automatsko isklučenje.
“Ponavljam: druga opomena bila je pretjerano stroga i nepravedna, i tu je priči kraj. Sudac može činiti što god hoće i misliti da je u pravu. Ja imam svoje mišljenje, a to sam vam svoje mišljenje upravo prenio, stoga ne mislim da se radi o kojekakvoj nervozi. Naime, ekipa je jako dobro izdržala u iznimno teškoj situaciji i mislim da možemo i prihvatiti činjenicu da s deset igrača možemo primiti jedan gol ”.


Italia

MILANO – Massimo Moratti, questa mattina, ha rilasciato una breve intervista ai giornalisti che lo attendevano all’uscita degli uffici della Saras.

Presidente, è stata una sofferenza anche ieri sera a Genova…
“Sì, abbastanza. Era una partita difficile, soprattutto quando siamo rimasti in dieci uomini. Per conto mio, un’espulsione ingiusta che ha condizionato la gara. Ci ha messo in difficoltà ed è diventata una partita difficile anche perchè la squadra sarà stata anche un po’ stanca dopo tutte le partite che ci sono state”.

È la decima volta in questa stagione che l’Inter deve giocare in dieci uomini. Alla faccia di chi dice che siete favoriti dagli arbitri…
“Sono cose che possono capitare. Però ieri sera mi è sembrato un po’ severo come giudizio”.

Sofferenza prolungata anche per la Roma. Alla fine il terzo gol della Lazio nel derby le ha dato un po’ di gioia?
“Il calcio è crudele: quando pensi di vincere ti dà una risposta diversa. Comunque, non è cambiato molto. Dovremo fare attenzione sino alla fine del campionato”.

Al di là della stanchezza fisica, potrebbe esserci un problema di stanchezza mentale alla base delle tante espulsioni?
“Cosa vuole dire? Si può forse pensare che l’espulsione di ieri di Pelé potesse dipendere da un problema di stanchezza mentale? Io non credo proprio…”.

Forse, con un po’ più di attenzione, il giocatore avrebbe potuto evitare la seconda ammonizione e quindi l’espulsione.
“Ripeto: la seconda ammonizione è stata un’ammonizione molto severa e ingiusta. Il discorso finisce qui. L’arbitro può fare quello che vuole e pensare di essere dalla parte del giusto. Io ho la mia opinione ed è quella che ho appena espresso. Quindi non vedo alcun nervosismo. Anzi, la squadra ha resistito molto bene in una situazione difficilissima ed era abbastanza normale che un gol alla fine potesse prenderlo”.




Odgovori