full screen background image

Mancini: s Ibrahimovićem je sve u redu – Mancini: con Ibrahimović tutto a posto

APPIANO GENTILE – Dan uoči današnje utakmice Genoa-Inter, u 29. kolu Serie A Tim 2007-2008, na programu u 20.30 na stadionu “Luigi Ferraris” u Genovi, Roberto Mancini je nakon treninga imao susret s novinarima u press centru sportskog centra“Angelo Moratti”.

Inter.it je zabilježio izjave crno-plavog trenera.

Mancini, kakva je trenutna situacija s ozljedama igrača?
“Svi su igrači relativno dobro osim Figa, koji je obnovio ozljedu lista, i Stankovića, koji se još nije riješio mišićnih problema. Ostali su igrači dosta dobro”.

Da li će dugo izbivati Luis Figo i Dejan Stanković?
“Što se Stankovića tiče, ne vjerujem, dok za Figa moramo još vidjeti. Problem je u tome da je povreda zahvatila isti list s kojim je i prije imao problema. Moratćemo dobro procjeniti situaciju”.

Kako su Julio Cesar i Patrick Vieira?
“I jedan i drugi su danas radili smanjenim tmepom. Vieira osjeća umor butnog mišića, ali nije ništa posebno. Julio Cesar ima mali problemčić s leđima još od prije utakmice s Palermom, ali prilično se dobro osjeća”.

Postoji li mogućnost da Dejan Stanković bude operiran prije kraja sezone zbog problema s petom?
“ Stanković, kao što sam malo prije rekao, trenutno nema problema s petom. Istina je da od kolovoza osjeća smetnje, ali ako bude trebao pod nož, učinit će to po završetku sezone. Trenutno ga muče prepone, možda zbog toga što zbog pete ne može pravilno trčati ”.

Priča se da Ibrahimovića nema nigdje u odlučujućim utakmicama. Da li se slažete?
“Nije istina. Ne možemo donositi takve zaključke nakon jedne ili dvije u nizu važnih utakmica. Svakome se može desiti da ne bude najbolji. Možda je u pitanju slučajnost, ali znamo da je Zlatan uvijek čovjek odluke”.

Josè Altafini, dok je komentirao utakmicu Inter-Palermo, savjetovao van je da ne prilazite igračima koje mijenjate da bi im pružili ruku, kako bi izbjegli njihove nepredvidive reakcije. Što mislite o tome?
“Svašta se može napraviti. Čovjek može ostati na klupi a može i ustati kako bi čestitao igraču koji izlazi s terena. Igrač koji nastupi daje uvijek sve od sebe: može mu se desiti da zabije tri gola, da odigra dobro ili loše, međutim moje je mišljenje da mu se trener mora uvijek zahvaliti. U životu, kao što sam izjavio poslije utakmice Inter-Palermo, može se svašta dogoditi i svi mi možemo pogriješiti ”.

Da li ste očekivali takvu reakciju baš od Zlatana Ibrahimovića?
“ (ndr.: smiješi se) Obzirom na to da su svi već imali slične reakcije, nije htio zaostati za drugim igračima… Mislim da se radi o stvarima koje čovjek ne može očekivati, mogu se desiti kada igrač bude pozvan na klupu zato što je u onom trenutku umoran i nije lucidan. Bitno je to da svaki igrač pruži svoj maksimum ”.

Da li smatrate da treba novčano kazniti igrača koji postupi na takav način?
“Radi se o stvarima koje su se uvijek dešavale i dešavati će se i u buduće. Ponekad klub intervenira i kazni igrača, ponekad taj isti igrač uvidi što je napravio i posrami se i nastoji to više ne ponoviti. Međutim, kao što sam već rekao, to su stavri koje se mogu dogoditi u bilo kojem trenutku i u bilo kojem klubu ”.

Maicona je kaznila disciplinska komisija zbog crvenog kartona protiv Livorna; Da li je to možda riješenje?
“To je stvar koja je regulirana pravilnikom, stoga nije primjenjivo na Ibrahimovića. Mogu vam samo reći da sam se ja svaki put posramio kad bi se pogledao na televiziji nakon sličnih situacija. Dok sam igrao za Sampdoriu, nakon što sam učinio sve kako bih odigrao u polufinalu Kupa, baš protiv Intera u Genovi, Boškov me zamijenio nakon što sam postigao gol za naše vodstvo od 1:0. U onom sam mu trenutku svašta izdijelio, ali baš svašta. Navečer, kad sam pogledao snimku, posramio sam se kao pas. Jako sam volio Boškova, bio sam zaljubljen u njega”.

Da li bi ste se u takvim situacijama ispričali treneru?
“Uvijek, i treneru i ekipi. I to zato što u onim trenucima čovjek nije ni svjestan onoga što čini. Savkome se može dogoditi, i vama, i vi možete izgubiti glavu i svašta reći dok radite svoji posao”.

Kao trener, da li prihvaćate ispriku igrača?
“Svakako”.

Da li se Zlatan Ibrahimović ispričao?
“Da, da. Sve je u redu”.

*****

Italia

APPIANO GENTILE – Oggi è il giorno di Genoa-Inter, gara valida per la 29.esima giornata della Serie A Tim 2007-2008, in programma allo stadio “Luigi Ferraris” in Marassi a Genova (ore 20.30).
Roberto Mancini ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del centro sportivo “Angelo Moratti” dopo la seduta di allenamento della squadra.

Inter.it vi propone la versione integrale di quanto dichiarato dal tecnico nerazzurro.

Mancini: com’è la situazione infortunati?
“Stiamo tutti abbastanza bene tranne Figo, che ieri ha accusato un problema al polpaccio che si era già infortunato, e Stankovic, che non ha ancora totalmente recuperato da un fastidio muscolare. Gli altri stanno tutti abbastanza bene”.

Saranno recuperi lunghi quelli di Luis Figo e Dejan Stankovic?
“Per Stankovic non credo, per Figo invece bisogna vedere. Il problema è sorto allo stesso polpaccio al quale che si era già infortunato. Bisogna valutare bene”.

Come stanno Julio Cesar e Patrick Vieira?
“Oggi hanno fatto entrambi poco tutti. Vieira era affaticato al quadricipite, ma non è nulla di particolare. Julio Cesar ha avuto un problemino alla schiena prima della gara con il Palermo, però sta abbastanza bene”.

È possibile che Dejan Stankovic debba essere operato prima della fine della stagione per il problema al tallone?
“Stankovic, come ho appena detto, ora non ha problemi di tallonite. È vero che da agosto gli dà fastidio il tallone ma, se dovesse operarsi, lo farà al termine della stagione. Ora ha un fastidio all’adduttore, probabilmente dovuto al fatto di correre sempre male proprio per il problema al tallone”.

Si dice che Ibrahimovic manchi nelle partite decisive, è d’accordo?
“Questo non è vero. Non si devono giudicare solo una o due delle tante partite importanti, e comunque capita a tutti di non essere sempre al meglio. Può essere una casualità, in ogni caso Zlatan è sempre decisivo”.

Josè Altafini, durante la telecronaca di Inter-Palermo, le ha consigliato di non andare a stringere la mano ai giocatori che sostituisce per evitare le loro reazioni. Che cosa ne pensa?
“Si può fare qualsiasi cosa. Uno può non alzarsi o può andare a stringere la mano. Ma un giocatore, quando scende in campo, dà sempre il massimo: poi può capitare che segni tre gol o che giochi male o bene, da parte del tecnico comunque ci deve sempre essere un ringraziamento. Credo che nella vita, come ho già detto dopo Inter-Palermo, possa succedere qualsiasi cosa e tutti possono sbagliare”.

Ma si aspettava una reazione del genere proprio da parte di Zlatan Ibrahimovic?
“ (ndr.: sorride) Siccome l’avevano fatto tutti, lui non voleva essere da meno… Non credo che siano cose che uno si aspetta o meno, possono capitare quando un giocatore viene sostituito perchè in quel momento è stanco e non è lucido. L’importante per un giocatore è che faccia sempre il proprio dovere”.

Non può essere utile una multa al giocatore nei casi come quello di domenica?
“Sono cose che sono sempre successe e succederanno sempre. A volte la società interviene e fa una multa, a volte il giocatore si rivede e si vergogna per quello che ha fatto e tende a non farlo più. Ma, come ho già detto, sono cose che possono capitare in qualsiasi momento e in qualsiasi squadra”.

Maicon è stato multato dalla commissione disciplinare per l’espulsione di Livorno, può essere anche questa una strada?
“Questa è una cosa così da regolamento, è diversa. In ogni caso, quando io mi sono comportato in un certo modo, ho provato vergogna nel rivedermi. Quando giocavo nella Sampdoria, dopo che avevo fatto di tutto per esserci in una semifinale di Coppa Italia proprio contro l’Inter a Genova, sono stato sostituito da Boskov dopo aver segnato il gol dell’1-0: al momento del cambio gli dissi di tutto, proprio di tutto, però alla sera rivedendomi mi sono vergognato come un cane. Eppure volevo un gran bene a Boskov, ne ero innamorato”.

In questi casi poi si scusava?
“Sempre, con il tecnico e con la squadra. Anche perchè in quei casi uno non si rende conto di quello che fa. Capita a tutti, anche a voi, durante il lavoro di poter perdere la testa e dire chissà che cosa”.

Da tecnico non le pesa accettare le scuse di un calciatore?
“No, assolutamente no”.

Ma Zlatan Ibrahimovic si è scusato?
“Si, sì. È tutto a posto”.

preuzeto sa inter.it




One thought on “Mancini: s Ibrahimovićem je sve u redu – Mancini: con Ibrahimović tutto a posto

  1. fanatico

    Bio je Mancio igrač, i to veliki, pa je u pravu kad kaže da se u afektu i onako umoran može svašta reći.Samo se to njemu sve češće događa (adriano,vieira,ibra… )pa bi trebao znati da se povremeno trebaju sankcionirat takva ponašanja,jer to onda vodi u anarhiju.

Odgovori