full screen background image

Quaresma: ne bojim se odgovornosti – Quaresma: non temo le responsabilità

Evo ga, Ricardo Quaresma. Stigao je u nedjelju u kasnu noć na aerodrom Linate, u ponedjeljak je obavio sve liječničke preglede i potpisao ugovor, u utorak se predstavio novinarima te odradio prvi trening s Interom. Zadovoljan što je nerazzurro i svjestan da je sada dio jedne velike momčadi.
U utorak je stigao nešto prije devet sati u sportski centar “Angelo Moratti”. U deset je već bio na terenu s novim suigračima i odradio svoj prvi trening kao igrač Intera. Ricardo Quaresma je trenirao zajedno s grupom, svih devedeset minuta. Popodne je odradio i svoj drugi trening.
“Biti u Interu za mene znači ostvarenje velikog sna, iz prostog razloga što je moj cilj bio doći u veliki klub a Inter je veliki klub s velikim igračima. Inter je moja sadašnjost i moja budućnost, iako moram reći da sam zahvalan Portu. Znam koju odgovornost preuzimam, ali sada se moram čim prije uklopiti i želim samo raditi”. Što se pak tiče njegove fizičke spreme, Ricardo jamči: “Potpuno sam spreman, kako fizički tako i psihički, na raspolaganju sam treneru i spreman sam se suprotstaviti bilo kojoj ekipi”. Bile su to prve riječi portugalca.
Nudimo vam sada integralnu verziju tiskovne konferencije prilikom predstavljanja Ricarda Quaresme pri sportskom centru “Angelo Moratti”.

Quaresma: koji su vaši utisci nakon prvog dana u Interu, zagrljaj navijača. Vjerojatno ste osijetili da ste stigli u najvažniji klub u vašoj karijeri?

“Presretan sam što sam došao u Inter, a osjećaj je taj da sam došao u klub u kojem igraju veliki igrači, a moj je cilj sada raditi što više kako bi dao svoj doprinos pobjedama ekipe”.

Osijećate li veliku odgovornost? Pregovori nisu billi jednostavni a Mourinho je jako želio vaš dolazak, i cijelo je vrijeme naglašavao kako bi ste bili važna karika u ekipi…

“Mislim da odgovornost postoji i obojica znamo što radimo. Sada je važno dobro raditi i dobiti mogućnost da se dobro uklopim”.

Obzirom na vaše karakteristike, što mislite da možete dati ovoj ekipi?

“Puno toga. Ali sada je bitno da shvatim kako idu stvari u ekipi, a vrijeme će dati odgovor na ovo pitanje”.

Pauzirali ste nešto na početku sezone, u kakvoj ste formi? Da li ćete biti spreman za nastavak prvenstva?

“Fizički i psihički sam dobro i osijećam se spremnim. Naravno da sam na raspolaganju treneru”.

Da li je to za vas prilika života? Da li ste vjerovali da će se pregovori pozitivno okončati?

“Da, za mene je ostvarenje sna. U Interu sam, a Inter je svakako veliki klub. Moj je cilj bio zaigrati u velikom klubu, ali bez obzira na to moram izraziti svoju zahvalnost Portu za sve što mi je pružio”.

Što se pregovora tiče, da li ste vjerovali da će se ipak tako okončati?

“Da, vjerovao sam da će se sve dobro svršiti. Moj me manager stalno informirao o tijeku pregovora. Bio sam pomalo nestrpljiv, ali na kraju se sve dobro svršilo”.

Ovo je vaše drugo iskustvo nakon Barcelone: što se promijenilo od onda?

“Bilo je stvari, onda, koje nisu išle najbolje. Ništa od svega toga se neće dogoditi sada kada sam u Interu. Uvjeren sam da će se rad isplatiti”.

Bio je to veliki Interov odgovor Milanu, koji je uzeo Ronaldinha. Da li ste spreman za derby?

“Spreman sam za bilo kojeg protivnika. U Italiji ima puno velikih i jakih momčadi s puno velikih igrača, a ja sam spreman za bilo koju momčad i za bilo kojeg protivnika”.

Imate puno nadimaka: koji vam se najviše dopada?
“(op.a.: smiješi se) Quaresma…”.

Prvi veliki talijanski klub protiv kojeg ste igrali bio je baš Inter u pretkolu Lige prvaka. I onom ste prilikom bili blizu transferu?

“Kada sam igrao pritiv Intera na San Siru bio sam jako mlad i od onda su se dogodile mnoge stvari, pogotovo dok sam igrao za Porto”.

Da li je vaša odgovornost veća jer su vas platili više nego Milan Ronaldinha?
“Mislim da je cilj svakoga postići što je bolji ugovor, a odogovornost se podrazumijeva”.

Kako se rodio vaš čuveni udarac, tzv. “trivela”? Savršeno šutirate vanjski felšom ali dozvolite nam šalu malu: da li znate šutirati isto tako dobro i unutrašnjim dijelom kopačke?

“(op.a.: smiješi se nakon što je nešto šapnuo tehničkom direkturu Marcu Branci) Rodio sam se s krivim nogama… Šala na stranu, mogu igrati i unutrašnjim i vanjskim dijelom stopala”.

kada ćete naučiti talijanski?
“Za dva ili tri tjedna bih trebao progovoriti, obzirom da već sve razumijem”.

MOURINHO

Kao i prilikom prezentacije Amantina Mancinija i Muntarija, Josè Mourinho je dopratio i Ricarda Quaresmu do press centra. “Quaresma je svestran igrač – rekao je – te može igrati kako u sustavu 4-3-3 tako i u 4-4-2; vrlo je hrabar igrač i uvjeren sam da neće imati velikih problema da se uklopi u talijanski nogomet”. Trener se posebno htio zahvaliti tom prilikom Massimu Morattiju i cijelom klubu.

Mourinho, da li ste sada zadovoljni dolaskom Quaresme? Kako ga mislite koristiti?

“Želim naglasiti da sam svojim dolaskom u Inter rekao predsjedniku, Marcu (op.a.: Branca), i Orialiju da bi želio imati tri igrača a ti igrači su Mancini, Quaresma i Lampard. Klub je doveo Quaresmu i Mancinija i učinio je sve, ali baš sve, da bi doveo i Lamparda. Onog trenutka kada se Lampard predomislio, rekao sam da se moja opcija zove Muntari, a klub je odmah doveo Muntarija. Prema tome, sada kada je mercato zaključen, moram se zahvaliti predsjedniku i cijelom klubu, u prvom redu Marcu i Orialiju, i mislim da sada mogu, odnosno moraju otići na godišnji odmor (op.a.: smije se). Sada je sva odgovornost na meni i igračima: ne možemo kiksati. Imam puno povjerenja i sretan sam zbog načina na koji je predsjednik surađivao. Presretan sam. Što se pak Ricarda tiče, moram reći da ga ne želim od jučer, tražim ga već dugi niz godina, ali nikada nisam imao priliku njime raspolagati, ni u Chelseaju niti prije dva mjeseca, kada sam došao u Inter. Eto, uspijeli smo zadnjeg dana ali Quaresma je stigao u pravo vrijeme. Naša je ekipa sada jako uravnotežena te imamo više izbora za svaku ulogu i svaki sustav igre. Šteta je što igrač poput njega, koji je osvojio već deset trofeja iako je mlad, nije stigao deset dana ranije kako bi osvojio Superkup i dostigao i jedanaesti trofej. Nema veze, mislim da će na kraju sezone ipak povećati broj osvojenih trofeja… U kojoj ulozi može igrati? Može igrato desno krilo, lijevo krilo, može igrati u sustavu 4-4-2, može i 4-3-3, može igrati i na klupi pa i u gledalištu (op.a.: smije se) ”.

Quaresma je uvijek igrao u klubivima koji su u neku ruku bili vezani za Mourinhov život. Da li će baš on biti dijamant koji će Interu dati najveći sjaj?

“Radio sam uvijek u velikim klubovima, s velikim ambicijama, s velikim igračima. A tako je i danas u Interu. Imamo velikih ambicija u prvenstvu, imamo ih još više, i s puno više odgovornosti, u Ligi prvaka. Raspolažemo s igračima koji imaju veliki potencijal i bogatstvo vrlina koje se ne mogu međusobno uspoređivati, ali predstavljaju bitnu različitost, a veliki je užitak raditi s takvim igračima i bitno je raditi sve bolje kako bi se sve bolje i bolje upoznali. Ricardo, u ovoj momčadi, uživa poseban status, zato što je jedini igrač kojega sam tražio iako je postigao gol protiv neke moje ekipe, a to je stvarno veliko čudo. Svi moraju znati da ako postignu gol protiv mene neće nikada igrati za moju ekipu…” (op.a.: smije se).

MASSIMO MORATTI

“Quaresma može pružiti brzinu i kvalitetu na krilnoj poziciji. Osim Mancinija i Figa, to je oružje više kojim trener raspolaže. Nadam se da će biti koristan”. Riječi su to predsjednika Intera, Massima Morattija. Na pitanje da li je očekivao da će toliko potrošiti, Moratti je odgovorio osmjehom: “Nadao sam se da neću”. Zatim se osvrnuo na utakmicu protiv Sampdorie, te je predsjednik rekako kako se radi “o rezultatu jedne teške utakmice, iako ne smijemo razmišljati negativno. Dobro smo odigrali prvo poluvrijeme, ne baš dobro drugo poluvrijeme, ali to je talijansko prvenstvo, koje je izuzetno teško”.


Italia

Eccolo, Ricardo Quaresma. È arrivato domenica sera all’aeroporto di Linate, lunedì ha completato le visite mediche e firmato il contratto, martedì si è presentato alla stampa dopo il primo allenamento con l’Inter. Sicuramente soddisfatto di essere nerazzurro e consapevole di entrare a far parte di un grande gruppo.
Martedì è arrivato poco prima delle nove al centro sportivo “Angelo Moratti”. Alle dieci era già in campo con i compagni per il suo primo allenamento nerazzurro. Ricardo Quaresma si è allenato con il gruppo, per il quale era in programma una seduta da novanta minuti. Nel pomeriggio, seconda seduta d’allenamento.
“Essere all’Inter per me è un sogno, perché il mio obiettivo è sempre stato quello di arrivare in una grande squadra e questa è una grande squadra composta da grandi giocatori. L’Inter è il mio presente e il mio futuro, comunque sono molto grato al Porto. Conosco le mie responsabilità, ma adesso devo integrarmi e soprattutto ho tanta voglia di lavorare”. Per quanto riguarda la sua condizione fisica, Ricardo assicura: “Sono pronto fisicamente e psicologicamente, sono a disposizione dell’allenatore, pronto ad affrontare qualsiasi squadra”. Queste le prime parole del portoghese.
Ecco la versione integrale della conferenza stampa di presentazione di Ricardo Quaresma che si è svolta al centro sportivo “Angelo Moratti”.

Quaresma: le impressioni del primo giorno all’Inter, l’abbraccio della gente. Oggi probabilmente ha provato la sensazione di essere arrivato nel club più importante della sua carriera?

“Sono felice di essere arrivato all’Inter, la sensazione è quella di essere in un club con grandi giocatori, ma ora il mio obiettivo è quello di lavorare per vincere”.

Quanta responsabilità sente? La trattativa non è stata facile ed è stato fortemente voluto da Mourinho, che non ha mai smesso di sottolineare la sua importanza…

“Penso che la responsabilità ci sia e conosciamo entrambi quello che facciamo. Ora l’importante è che lavori e che abbia la possibilità di integrarmi bene”.

Viste le sue caratteristiche, che cosa pensa di poter dare tecnicamente?

“Le cose possono essere molte. Adesso è importate che io apprenda, solo col tempo potrò avere la risposta a questa domanda”.

È rimasto fermo per un po’ in questo inizio di stagione, quali sono le sue condizioni? Ci sarà per la ripresa del campionato?

“Fisicamente e psicologicamente sto bene e mi sento pronto. Logicamente sono a disposizioni del tecnico”.

Questa è l’opportunità della sua vita? Ha sempre creduto che la trattativa potesse andare a buon fine?

“Sì, è un sogno. Perché sono all’Inter che è sicuramente un grande club. Il mio obiettivo era quello di arrivare in un grande club, ma comunque, indipendentemente da questo, sono grato al Porto per quello che mi ha dato”.

Ha sempre pensato che la trattativa con l’Inter potesse andare a buon fine?

“Sì, ho avuto sempre speranza che andasse tutto bene. Il mio procuratore mi ha sempre tenuto aggiornato sulle trattative. Sono stato anche un po’ ansioso, ma alla fine è andato tutto bene”.

Questa è la seconda esperienza all’estero dopo il Barcellona: che cosa è cambiato da allora?

“Sicuramente, allora, c’erano cose che non andavano bene. Comunque queste cose non succederanno ora che sono arrivato all’Inter. Sono sicuro che il lavoro ripagherà”.

È il grande colpo di mercato dell’Inter, la risposta al Milan che ha preso Ronaldinho. È pronto per il derby?

“Sono pronto per giocare contro tutte le squadre. In Italia ci sono moltissime grandi squadre e molti grandi giocatori, io sono pronto per affrontare qualsiasi tipo di squadra e qualsiasi avversario”.

Ha tanti soprannomi: qual’è il suo preferito?
“(ndr.: sorride) Quaresma…”.

La prima grande squadra italiana contro la quale ha giocato è stata proprio l’Inter in un preliminare di Champions League. Anche in quell’occasione è stato vicino al trasferimento?

“Quando ho giocato contro l’Inter a San siro ero molto piccolo e durante questi anni, soprattutto durante quelli al Porto, sono successe molte cose”.

Può essere una responsabilità in più essere stato pagato più di Ronaldinho?
“Credo che ognuno pensi a rendere migliore il proprio contratto, poi la responsabilità è scontata”.

Il suo famoso colpo, la “trivela”, come nasce? È bravissimo a colpire la palla di esterno, ma ci permetta una battuta: sa fare altrettanto bene anche con l’interno?

“(ndr.: sorride dopo aver parlottato in segreto con il dt Marco Branca) Sono nato con i piedi un po’ storti… Scherzi a parte, sono in grado di calciare con entrambi i lati del piede”.

Quanto ci metterà ad imparare l’italiano?
“Credo che due o tre settimane basteranno per cominciare a parlarlo visto che già lo capisco”.

MOURINHO

Come già in occasione delle presentazioni di Amantino Mancini e Muntari, Josè Mourinho ha accompagnato Ricardo Quaresma nella sala stampa. “Quaresma è un giocatore molto eclettico – ha detto – può giocare nel 4-3-3 e nel 4-4-2; è un calciatore coraggioso e per questo credo che non avrà problemi a inserirsi nel calcio italiano”. Ma l’allenatore ci teneva, in maniera particolare, a ringraziare Massimo Moratti e la società.

Mourinho, è soddisfatto dell’arrivo di Quaresma? Come pensa di utilizzarlo?

“Prima voglio dire che, quando sono arrivato all’Inter, ho chiesto al Presidente, a Marco (ndr.: Branca), a Oriali e alla società tre giocatori: Mancini, Quaresma e Lampard. La società mi ha dato Quaresma, Mancini e ha fatto di tutto, ma proprio di tutto, per Lampard. Quando Lampard ha cambiato idea, ho detto che la mia opzione era Muntari e la società mi ha dato Muntari. Quindi, ora che il lavoro sul mercato è concluso, devo ringraziare il Presidente e tutta la società, in particolare il lavoro di Marco e di Oriali, credo che loro devono e possono andare in vacanza (ndr.: ride). Adesso la responsabilità è mia e dei miei giocatori: dobbiamo fare bene. Sono molto fiducioso e contento per quello che ha fatto il Presidente per collaborare con le mie scelte. Sono assolutamente felice. Di Ricardo devo dire che non lo voglio da oggi, lo cerco da molto tempo, ma non era mai stato possibile raggiungerlo, né durante la mia esperienza al Chelsea né due mesi fa, quando ero già all’l’Inter. È stato possibile solo adesso, all’ultimo giorno, ma Quaresma è arrivato in un momento molto importante per noi, la nostra squadra oggi è una squadra molto equilibrata con diverse opzioni per ogni ruolo e per modulo. Un peccato che un giocatore vincente come lui, che in questo momento ha dieci titoli già vinti in carriera pur essendo molto giovane, non sia arrivato dieci giorni prima per vincere la Supercoppa e arrivare a undici trofei. Ma io penso che alla fine della stagione possa averne qualcuno in più… Dove può giocare? Può giocare ala destra, ala sinistra, può giocare nel 4-4-2, può giocare nel 4-3-3, può giocare in panchina e in tribuna (ndr.: ride) ”.

Quaresma ha giocato sempre in club legati in qualche modo anche alla storia di Mourinho. Sarà lui la punta di diamante che farà brillare ancora di più l’Inter?

“Ho lavorato sempre per grandissimi club, con grandi ambizioni, con calciatori di alto livello. È così ancher oggi, qui all’Inter. Affrontiamo il campionato con tante ambizioni, ne abbiamo ancora di più, quindi anche con maggiori responsabilità, per la Champions League. Abbiamo giocatori dal potenziale grandissimo e ricchezza di qualità che non possono essere comparate tra di loro, ma che rappresentano una diversificazione importante, è un piacere lavorare con questi grandi giocatori e la cosa importate è lavorare sempre meglio per conoscersi meglio. Riccardo, in questo gruppo, rappresenta un giocatore speciale, perché è l’unico che ho chiesto di comprare nonostante abbia fatto gol a una mia squadra e questo è un vero miracolo. E tutti devono sapere che i giocatori che segnano contro di me non giocheranno mai per la mia squadra…” (ndr.: ride).

MASSIMO MORATTI

“Quaresma può dare velocità e classe sulle ali. È un’arma in più oltre a Mancini e Figo. Speriamo possa essere utile”. Lo ha detto il presidente dell’Inter, Massimo Moratti. A chi gli chiedeva se si aspettasse di spendere così tanti soldi per il calciomercato, Moratti ha risposto con un sorriso: “Speravo di no”. Tornando alla gara con la Sampdoria di sabato scorso, il patron nerazzurro ha definito l’esito della partita del Ferraris come “risultato di una partita difficile, anche se non c’è da pensare in negativo. La partita è stata condotta bene nel primo tempo e un po’ meno nella ripresa, ma questo è il campionato italiano che è difficilissimo”.




4 thoughts on “Quaresma: ne bojim se odgovornosti – Quaresma: non temo le responsabilità

  1. fanatico

    Mou je pokazao već nekoliko puta od kad je u Milanu da ima šarma i da se prije stvorila sasvim kriva slika o njemu. Ustvari kad bolje razmislim u toj kišnoj i maglovitoj Engleskoj niti ne možeš biti bogzna kako raspoložen. Osobno ne bih mogao tamo živjeti.

  2. Adnan525 Inter Zauvjek

    Dobro dosao Quaresma mnogo srece i golova u dresu Intera A sto se tice Mourinha tip je bez dlake na jeziku meni se je svidjao i kad je bio baszbog svoji izjava pa Chelsea sto jest danas je zahvaljujuci Mourinhu i njegovim postupcima ,,
    A slazem se satobom Fanatico da je engleska zemlja za zivit losa i ja bi prije izabrao Italiju jer talijani su narod slican nama,,Mnogo srece Q Mustang…

Odgovori